Werbung
Austria

Tutto un malinteso

Il cancelliere austriaco Kern prova a ricucire lo strappo con Roma, “i controlli al Brennero ci saranno solo in caso di un incremento del numero di migranti in arrivo”.
Werbung

Prove di diplomazia avanzata. Questa mattina il cancelliere austriaco Christian Kern ha telefonato al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni per dire che sì, è stato tutto un malinteso, amici come prima. Tradotto in toni ufficiali: “L’Austria non eseguirà alcun controllo ai confini del Brennero al momento e non sta per ricorrere all’impiego dell’esercito nell’immediato”, ha detto Kern dopo le polemiche di ieri sul dispiegamento (mai avvenuto) di forze militari al confine, e la successiva convocazione dell’ambasciatore austriaco nella Capitale da parte della Farnesina.

La collaborazione tra le forze di polizia - sottolineano fonti di Palazzo Chigi - produce ottimi frutti e si basa sul rispetto da entrambe le parti delle regole europee, senza alcun bisogno di truppe o mezzi militari da schierare alla frontiera. Kern ha sottolineato che nonostante i massicci flussi migratori delle ultime settimane in Italia il numero di profughi sul suolo austriaco non è di fatto aumentato - a dimostrazione dell’“eccellente lavoro delle autorità italiane e della buona cooperazione fra Roma e Vienna” - e che i controlli al Brennero scatteranno solo in caso di un incremento degli arrivi.

Werbung

Verknüpfte Artikel

Werbung

Meistkommentiert

Mach mit!

Registrieren oder Anmelden