Advertisement
Elezioni provinciali

“Un colpo mortale”

Per Alessandro Urzì (AANC) il Pd, con la decisione di candidare la "tedesca" Prader, taglia le gambe al gruppo debole, quello italiano.
Advertisement

Il nemico designato di Alessandro Urzì, il Pd, raccoglie l’ennesima critica. Stavolta nel mirino del consigliere provinciale dell’Alto Adige nel cuore c’è la decisione ormai nota del Partito democratico di candidare - in terza posizione di lista dopo il vicepresidente della Provincia Christian Tommasini e l’assessore comunale di Bolzano Sandro Repetto Renate Prader (di madrelingua tedesca), presidente del consiglio comunale di Bressanone, moglie di Carlo Costa e già candidata alle ultime elezioni politiche. 

 

Prader, Renate

Reante Prader, candidata con il Pd alle elezioni provinciali del 21 ottobre

 

I voti di Prader 

 

“Il Pd - attacca Urzì - ormai mira a fare eleggere con i voti tradizionalmente ‘italiani’ del suo elettorato consiglieri provinciali di lingua tedesca: la candidatura con alte possibilità di successo di Renate Prader potrebbe costituire un colpo mortale alla rappresentanza italiana nel futuro consiglio provinciale. Se per esempio la candidata fosse stata eletta cinque anni fa gli italiani in consiglio sarebbero scesi addirittura a 4 (su 35 consiglieri) e quindi sarebbero divenuti ininfluenti nelle commissioni legislative, negli organismi di garanzia, un problema gravissimo”.

 

Non è la stessa cosa

 

Nell’anticipare eventuali critiche Urzì sottolinea che altri partiti, come quello dei Verdi, candidano indifferentemente italiani e tedeschi (gli stessi Fratelli d'Italia e L'Alto Adige nel cuore annoverano nella propria squadra alcuni candidati di madrelingua tedesca), ma c’è una differenza: “Consiglieri come Dello Sbarba vengono eletti soprattutto grazie ai voti degli elettori verdi di lingua tedesca, che sono la maggioranza del proprio bacino elettorale, rinforzando la rappresentanza del gruppo “debole”. Un atto di generosità ‘etnica’ senza pregiudizi, va riconosciuto. Ma così - prosegue - si rinforza il gruppo debole, per l’appunto, quello italiano, togliendo molto poco a quello ‘forte’, di lingua tedesca. Il Pd farà invece l’opposto: taglierà le gambe al gruppo debole, l’italiano, per rinforzare quello forte, quello tedesco. Un’abdicazione dal suo ruolo storico di bacino elettorale ‘italiano’ che si farà sentire sui futuri assetti della politica provinciale”.

La candidatura con alte possibilità di successo di Renate Prader potrebbe costituire un colpo mortale alla rappresentanza italiana nel futuro consiglio provinciale

Niente di personale, insomma, contro Prader, il problema, dice il consigliere dell’Alto Adige nel cuore, è il Pd, “un partito che ‘fa l’italiano’ ma poi schiera fra i ‘vincenti’ una candidata di lingua tedesca offrendole la possibilità di fiaccare ancora di più la rappresentanza italiana in consiglio provinciale fa gli interessi di chi?”.

Advertisement

Verknüpfte Artikel

Bitte melden Sie sich an, um Kommentare zu verfassen.

Kommentare

Bild des Benutzers Massimo Mollica

visti i sondaggi che girano il colpo mortale riguarda tutti ma proprio tutti!

Bild des Benutzers Paolo Sticcotti

I sondaggi che girano spiegano caro Max perfettamente il motivo di questa uscita di Urzì oserei dire. Un candidato alla frutta che cerca notorietà tirando fuori la rappresentanza del gruppo italiano. Gli ultimi strascichi di un consigliere pronto a lasciare la poltrona...

Bild des Benutzers Martin Mayr

Perché?

Bild des Benutzers Massimo Mollica

Intendevo i partiti tradizionali,quelli definiti "politicanti". Ottima affermazioni invece per Köllensperger anche se non credo basti per cambiare il sistema.

Bild des Benutzers Martin Mayr

Adesso ho compreso. Grazie. Sono in parte d‘accordo ma da qualche parte bisogna pur iniziare secondo me. Per quanto riguarda la candidata Prader mi fa una buona impressione unico neo il fatto di essere la moglie del sig. Costa. Personalmente non ho nulla in contrario - perché come scritto sopra la ritengo una buona candidata - ma é innegabile che uno pensi alla solita „Freunderlwirtschaft“ come nel caso Puglisi.

Bild des Benutzers Fidi Ellmenreich

Tralasciando per un attimo il problema della "rappresentanza italiana in consiglio provinciale", a me personalmente fa pensare il fatto che sempre ancora non si riesce, o meglio, loro, i politici, non riescono a pensare ad un partito politico "misto". Quelli di destra sono i primi a dannare il Proporz, per poi scandalizzarsi quando una tedesca è su una lista italiana. Ed io, madrelingua sudtirole, sposato con un italiana, figli mistilingue, dovrei scegliere il partito secondo la mia lingua o secondo il mio credo politico? E penso che tanti siano nella mia situazione e vivino questo "dilemma politico-linguistico"!

+1-11
Advertisement

Meistkommentiert

Meistgelesen

Wirtschaft
Gesellschaft
Gesellschaft
7
Gesellschaft
1
Chronik
1

Mach mit!

Registrieren oder Anmelden