Advertisement
Advertisement
Dopo la protesta

La piazza acclama Paul Köllensperger

In una giornata come quella di ieri, è l’unico a poter cantare vittoria, l’unico Consigliere – soprattutto – che quando è salito sul palco allestito dai protestanti, è andato a raccogliere applausi.
Von
Bild des Benutzers Gabriele Di Luca
Gabriele Di Luca13.03.2014
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers antonio candioli
antonio candioli 13.03.2014, 07:52
buon giorno ieri in piazza Silvius Magnago ( un grande) si è tenuta a mio parere la svolta del pensiero del popolo sud tirolese nei confronti della classe politica, la gente ha iniziato a capire dove sta l' onestà. noi si deve percorrere questa strada , magari non priva di ostacoli ma quella giusta, non si deve più distinguere destra -sinistra ,italiano- tedesco, ma onesti e non onesti, a favore dei cittadini e contro i cittadini. la via è la sola che ci rimane , se riusciamo a incontrarci su questa strada ci salviamo altrimenti ....... volevo far notare qualche cosa dei i nostri media locali. ieri il quotidianoalto adige scriveva a piena pagina : questi hanno già restituito i soldi ,e questi pensano di farlo. ma stiamo scherzando, li ha fatti passare come dei santi, se non fosse stato per noi del
Bild des Benutzers antonio candioli
antonio candioli 13.03.2014, 07:55
se non fosse stato per noi del M5S questi non avrebbero mollato neanche un cent, e la stampal ocale li trasforma in santi, state attenti a quello che leggete e informatevi bene pesando le parole e valutandole in modo adeguato,non sono delle lettere scritte su un foglio bianco
Bild des Benutzers Andreas Perugini
Andreas Perugini 13.03.2014, 10:31
Köllensperger aveva promesso e sottoscritto di restituire le eccedenze superiori ai 2500 euro alla provincia. Invece i primi versamenti sono andati ai No Tav. Continua a sostenere di restituire il 50% di quanto guadagna. Ma quanto guadagna e quanto restituisce? Secondo i patti lui non deve restituire il 50% ma tutto quanto quello che eccede i 2.500 euro che dovrebbe essere molto di più. Insomma, una buona volta chiarisca quanto guadagna, quanto restituisce e a chi. Manca trasparenza!
Bild des Benutzers Rudi Rieder
Rudi Rieder 13.03.2014, 11:36
Andreas Perugini continua ad infangare il nome del M5S con le sue insinuazioni false e lo sà che sono false. Non voglio andare oltre per rispetto di questo sito. Ch vuole può visitare il sito del M5S Alto Adige e rendersi conto oppure contattarci per eventuali chiarimenti. La restituzione alla fonte delle eccedenze ai 2.500.-€ dello stipendio di Paul è stata votata in modo democratico dalla Base (alla quale ogni cittadino si può iscrivere). Ed anche l`importo di 500,00€ da devolvere agli attivisti NO/TAV, condannati per aver difeso i loro diritti, è stato deciso con votazione di tutta la Base. È stato un`atto di responsabilità civile, una cosa che Perugini non sembra conoscere.
Bild des Benutzers antonio candioli
antonio candioli 13.03.2014, 12:10
come già espresso da blumen penso anche io che il sig. Perugini sia in malafede e lo sa, solo che gli brucia e sa anche il perchè di tutto questo. la sola cosa che dovete fare è informarvi e poi valutare , magari partecipando alla vita sociale e pubblica. ricordatevi informatevi e poi potete giudicare, per quello che riguarda la coerenza possiamo parlarne Antonio Candioli
Advertisement
Advertisement
Advertisement