gruppo_di_lavoro_flora_dellalto_adige_alla_ricerca_di_specie_rare_castelfeder.jpg
LPA
Advertisement
Advertisement
Flora

Biologi stupefatti

Ritrovamento sensazionale a Castelfeder: dopo quasi 100 anni di assenza in Alto Adige – è stato ritrovato un popolamento di Centocchio minore.
Advertisement
Advertisement
Il maggio piovoso ed il successivo caldo hanno fatto un bel regalo alla biodiversità: Sulla collina di Castelfeder vicino ad Ora lo scorso fine settimana - dopo quasi 100 anni di assenza in Alto Adige – è stato ritrovato un popolamento di Centocchio minore. La piantina fa parte della famiglia delle mirsinacee.
Thomas Wilhalm è radioso: „Elias Spögler, il membro più giovane del gruppo di lavoro “Flora dell’Alto Adige” ha fatto un ritrovamento sensazionale: Lo scorso fine settimana sulla collina di Castelfeder ha scoperto un esemplare di Centocchio minore.“ Il biologo del Museo di scienze naturali dell’Alto Adige a Bolzano spiega, che si tratta di una pianta annuale, dell’altezza di uno, due cm, che come il ciclamino fa parte della famiglia delle mirsinacee. Nella zona di Bolzano e nelle valli d’Isarco e Pusteria era molto diffusa fino al 800, gli ultimi avvistamenti risalgono agli anni 30 dello scorso secolo.
Il Centocchio minore (Centunculus minimus) necessita di suoli aperti e argillosi in zone a bassa quota, ad esempio all’interno di pascoli. Proprio questo tipo di ambienti negli ultimi cento anni ha dovuto lasciare il posto a prati, frutteti e vigneti, il Centocchio minore quindi non ha più trovato il suo habitat naturale. Però le condizioni climatiche delle ultime settimane – le piogge di maggio ed il successivo caldo – insieme agli incavi rocciosi di Castelfeder hanno restituito alla piantina le sue condizioni preferite: i semi dormienti per decenni nella terra hanno improvvisamente iniziato a germogliare.
 
centocchio_minore_castelfeder_9_giugno_2019._foto_thomas_wilhalm.jpg
Centocchio minore: "gli ultimi avvistamenti risalgono agli anni 30 dello scorso secolo". (Foto: Thomas Wilhalm)
 
In seguito a questo ritrovamento i membri del gruppo di lavoro “Flora dell’Alto Adige” hanno scoperto, sempre sulla collina di Castelfeder e nello stesso habitat, altre specie rarissime, come ad esempio il Ranuncolo sardo (Ranunculus sardous), avvistato l’ultima volta in Alto Adige anch’esso circa un secolo fa.
La collina porfirica di Castelfeder è tutelata come biotopo dal 1977, è caratterizzata da una vegetazione unica per l’Alto Adige: la maggior parte della zona è costituita da prati secchi, ombreggiati da singole querce. Nei tanti incavi si trovano piccole zone umide e stagni. Inoltre, il clima caldo favorisce una flora e fauna mediterranea. Questa vegetazione è stata creata dall’uomo e dal pascolamento praticato per millenni. Un pascolamento estensivo, adattato alle esigenze della natura anche in futuro sarà fondamentale per la conservazione della biodiversità di Castelfeder.
Il gruppo di lavoro „Flora dell’Alto Adige“ ha sede presso il Museo di scienze naturali ed è stato fondato vent’anni fa da Thomas Wilhalm, che lo dirige tutt’oggi.
Advertisement

Kommentar schreiben

Advertisement
Advertisement
Advertisement