Flughafen Bozen
Hannes Prousch
Advertisement
Advertisement
Contromisure

“Non molliamo”

Aeroporto, i Verdi presentano un ddl contro l’ampliamento. L’obiettivo è la competenza primaria per la Provincia sul trasporto aereo locale. Laives non si tira indietro.
Advertisement
Advertisement

I paladini del referendum del 12 giugno 2016 sullo scalo aeroportuale bolzanino tornano all’attacco. E lo fanno presentando un disegno di legge per impedire l’ampliamento dell’Abd, mentre di contro l’economia, a partire dal presidente della Camera di commercio del capoluogo Michl Ebner, esulta pubblicamente per la proposta di acquisto dell’aeroporto avanzata dal trio Josef Gostner, René Benko e Hans Peter Haselsteiner.

Ieri sera (15 gennaio) i consiglieri provinciali dei Verdi Riccardo Dello Sbarba, Brigitte Foppa e Hanspeter Staffler hanno presentato un disegno di legge, composto di 9 articoli, per “ridurre il più possibile il traffico e l’attività aerea in provincia di Bolzano, a cominciare da quella che si svolge nell'aeroporto di Bolzano” e per “dare attuazione alla nuova normativa statale che classifica quello di Bolzano come ‘aeroporto di interesse provinciale’ e ne dispone il trasferimento alla Provincia, che così potrà meglio esercitare le sue competenze in materia”.

 

Passaggio di testimone

 

 Dello Sbarba ricorda che il 2 gennaio 2016 è entrato in vigore il decreto del presidente della Repubblica 201 del 2015 e tra gli aeroporti di “interesse nazionale” non compare quello di Bolzano che viene invece classificato tra gli “aeroporti di interesse regionale”. Con il trasferimento dell’aeroporto alla Provincia il trasporto aereo diventerebbe di interesse provinciale ergo l’amministrazione altoatesina avrebbe competenza primaria.

“In forza di questa competenza la Provincia può avere più voce in capitolo sull’uso dell’aeroporto, sulla attività aerea che vi si svolge e sull'affidamento della sua gestione. Ciò deve farlo mettendo al primo posto la tutela della salute, il rispetto dell’ambiente, la protezione del clima, il rispetto della volontà espressa nel referendum del 2016 e i principi di partecipazione sia della popolazione che dei Comuni e delle Comunità comprensoriali interessate”, argomenta Dello Sbarba insistendo, in nome della sostenibilità, sulla necessità di investire in alternativa sul trasporto pubblico locale. In concreto: realizzare un sistema di collegamento rapido via treno verso i vicini aeroporti di Verona e Innsbruck. “Non molliamo”, dice Dello Sbarba, e non molla nemmeno Laives che “continua la sua battaglia contro l’ampliamento dell’aeroporto”, scrive su Facebook il sindaco Christian Bianchi. La giunta  Svp-Lega è avvisata.

 

 

I 9 articoli del disegno di legge presentato dai Verdi

L'articolo 1 definisce le finalità della legge: l'attività aerea va limitata il più possibile a protezione del clima e della salute. Unica eccezione: attività aeree legate ad esigenze sanitarie, di protezione civile o di ordine pubblico.

L'articolo 2 elimina ogni finanziamento pubblico provinciale all'attività aerea e qualsiasi partecipazione a società che contribuiscano al traffico aereo nella nostra provincia.

L'articolo 3 dà attuazione al Decreto del Presidente della Repubblica 17 Settembre 2015, nr. 201, “Regolamento recante l'individuazione degli aeroporti di interesse nazionale, a norma dell'articolo 698 del Codice della Navigazione“ e trasferisce l'aeroporto e le sue pertinenze alla Provincia.

L'articolo 4 limita l'attività aerea che è possibile svolgere nell'aeroporto di Bolzano entro i limiti richiesti dalla tutela del clima e della salute, comunque non oltre attività di “aviazione generale”, e fissa per la Provincia l'obbligo di fissare d'intesa con i Comuni e le Comunità comprensoriali interessate dall'infrastruttura aeroportuale le modalità e le finalità di funzionamento dell'aeroporto. 

L'articolo 5 definisce le competenze della Provincia nell'affidamento della gestione dell'aeroporto ad un soggetto gestore.

L'articolo 6 prevede un “Comitato d'intesa” sull'aeroporto di 5 componenti, di cui un/una rappresentante della Provincia, uno/una del gestore, uno/una della comunità comprensoriale Oltradige-Bassa Atesina e un/una per ciascuno dei Comuni (Bolzano e Laives) territorialmente interessati.

L'articolo 7 abroga la legge che finora ha regolato la gestione dell'aeroporto (articolo 11, LP 37/1974).

Gli articoli 8 e 9 regolano pubblicazione e entrata in vigore della legge, previo comunicazione alle autorità europee.

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Michl Ebner
Handelskammer Bozen

Kommentar schreiben

Advertisement
Advertisement
Advertisement