dsc_0768.jpg
Comune Bolzano
Advertisement
Advertisement
Bolzano

Caramaschi bis: accordo fatto

Firmata l’intesa sulla giunta comunale. Assieme Svp, Pd, Verdi, Gennaccaro e Civica del sindaco: “Un programma per le sfide ambientali, sociali e sanitarie della città”.
Advertisement

Per il Caramaschi bis manca solo la formazione ufficiale della nuova giunta, attesa come risultato della riunione di maggioranza fissata nel pomeriggio, e che comunque secondo le indiscrezioni di stampa non sarà molto diversa da quella uscente. Con l’incontro di questa mattina, venerdì 16 ottobre, nella sede del Comune di Bolzano è stato sottoscritto il documento programmatico dell’esecutivo comunale che sarà chiamato a guidare il capoluogo nei prossimi cinque anni.

 

Il patto per i prossimi 5 anni

 

Presenti alla firma oltre al sindaco, fresco di riconferma alle ultime elezioni comunali, i rappresentanti delle liste e dei partiti che lo sostengono: per l’Svp Luis Walcher, vicesindaco uscente, in pole per la riconferma con le deleghe a urbanistica e lavori pubblici, e l’obmann cittadino nonché senatore Dieter Steger, ancora Pietro Borgo, già capolista, per la Civica con Caramaschi, Nicol Mastella (Io sto con Bolzano), Sandro Repetto, consigliere provinciale e coordinatore del Pd a Bolzano, i Verdi Tobias Planer e Chiara Rabini, quest’ultima considerata probabile assessora ad ambiente, famiglia, scuola e integrazione come scrive l’Alto Adige.

Il disegno per l’esecutivo potrebbe completarsi con Johanna Ramoser, la più votata nella lista Svp, che scalzerebbe l’ex assessore Stephan Konder con le deleghe a economia e turismo. A sua volta Konder è dato quale vicepresidente dell’Aula, a fianco di Monica Franch (Pd) alla presidenza: un incastro che favorirebbe la conferma in giunta del collega dem Juri Andriollo (cultura e politiche sociali, l’ipotesi), affiancato dal neoeletto e plurivotato Stefano Fattor (per lui un pacchetto che va dalla mobilità all’edilizia abitativa), in questi giorni protagonista di una lite social con le Stelle alpine. Data per scontata la conferma in giunta di Angelo Gennaccaro (Io sto con Bolzano), che riotterrebbe tra le competenze decentramento e giovani.

Un programma condiviso dalle forze di maggioranza per continuare il lavoro fatto e affrontare la sfida della sostenibilità, quella ambientale, sociale e sanitaria della città di Bolzano

 

Primo consiglio comunale martedì 20 ottobre

 

L’attribuzione delle deleghe assessorili è il prossimo passo. Quanto al documento programmatico, che sarà presentato e discusso per l’approvazione in consiglio comunale, i dettagli non sono stati svelati. Dalla coalizione dicono però che si tratta di “un programma condiviso dalle forze di maggioranza (le stesse della scorsa consiliatura), che punta a continuare e rafforzare il lavoro fatto in tutti gli ambiti di  competenza del Comune, affrontando le sfide dello sviluppo sostenibile della città di Bolzano, assieme a quelle sociali, ambientali, sanitarie”.

La prima seduta del consiglio comunale è convocata per la serata di martedì 20 ottobre. All’ordine del giorno la convalida degli eletti, l’elezione del presidente e del vicepresidente del consiglio comunale. A seguire la presentazione della proposta di composizione della giunta avanzata dal sindaco, che verrà discussa e sottoposta all’approvazione assieme al documento programmatico. Il consiglio comunale  è convocato anche per le serate di giovedì 22, martedì 27 e giovedì 29 ottobre con inizio alle 18. Le sedute si terranno nella sala di rappresentanza del municipio.

Der Lockdown ist vorüber. Die Krise ist es nicht. Mit einem salto-Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Stefano Fattor
pd
Renzo Caramaschi
Renzo Caramaschi
Renzo Caramaschi
salto.bz/Arrigoni
Bozen

Renzos Sieg

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement