Rosso Istria
upi
Advertisement
Advertisement
foibe

Red Land: “Non capiamo la polemica”

A una settimana dal Giorno del Ricordo il comune di Merano difende la promozione del “fantasy su Norma Cossetto”. Scivoloni revisionisti anche a Bolzano e Laives.
Von
Bild des Benutzers Elisa Brunelli
Elisa Brunelli17.02.2021
Advertisement

È trascorsa una settimana dal Giorno del Ricordo, e le modalità di celebrazione delle istituzioni altoatesine continuano a far discutere.
Alla gaffe più clamorosa dell’assessore della Lega Massimo Bessone, si aggiungono altre narrazioni, definite a più riprese, fuorvianti e storicamente scorrette delle vicende che hanno interessato la zona dell’Alto Adriatico durante la Seconda Guerra Mondiale.

Il Sindaco di Laives Christian Bianchi pubblica il 9 febbraio un video di nove minuti che sin dai primi secondi parla di “pulizia etnica perpetrata dagli slavi che non può essere definito massacro di guerra perché avvenuto a guerra terminata”. Peccato che la data presa in considerazione sia l'8 settembre 1943, ben tre anni e mezzo prima del trattato di pace firmato a Parigi che sancisce, almeno formalmente, il termine delle ostilità. La data coincide invece con il proclama dell’Armistizio di Cassibile, con Badoglio che si arrende agli alleati per fuggire a Brindisi con il re e che ha lasciato l’Italia e il suo esercito allo sbando, in preda all’invasione e alle rappresaglie naziste che si susseguirono poco dopo.

Il primo cittadino di Bolzano Renzo Caramaschi posando davanti alla lapide dedicata a Norma Cossetto il 10 febbraio ha dichiarato: “Oggi si ricorda la tragedia delle foibe, dove uno Stato alle idee ha contrapposto un'ideologia e poi una dittatura. E quando ad una dittatura che già di per sé è negazione delle libertà democratiche, si sovrappone l'odio e la pulizia etnica per rendere omogeneo il tutto, nella mentalità, nella lingua nel pensiero nelle istituzione significa negare la dignità dell'uomo”. Dichiarazioni simili a quelle che all’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano sono costate un incidente diplomatico con la Croazia.

L’amministrazione (commissariata) di Merano ha invece pubblicizzato, e appositamente noleggiato, sul proprio sito istituzionale la visione di “Red Land - Rosso Istria”, un film discutibile bocciato da diversi storici e da numerose organizzazioni e definito al limite della propaganda nazifascista, nonché flop al botteghino.

La complessità delle vicende che hanno coinvolto il confine orientale è stata già ampiamente spiegata anche da salto.bz, come sono state facilmente smontate da numerosi storici fra cui Raoul Pupo (ospite lo scorso anno a Bolzano proprio in occasione del Giorno del Ricordo) le tesi che contemplano una qualsiasi opera di pulizia etnica ai danni della popolazione italiana residente in Istria e Dalmazia.


“Una kolossale foiba nell’acqua”

 

L’ufficio di Merano difende la propria decisione in merito alla promozione di Red Land: “Non capiamo queste polemiche inutili - afferma Elisabetta Rizzi della ripartizione Cultura -. Abbiamo visto questo film, che è stato presentato in diversi comuni italiani. Abbiamo guardato le recensioni del sito di MyMovies e dicono che rappresenta con equilibrio la sensazione di smarrimento dell’8 settembre delle varie parti in causa. Ovviamente - continua Rizzi - è un film, un’opera di fantasia non un’enciclopedia, ma non lo definiamo un’opera di propaganda nazifascista. Noi ci siamo sentiti rassicurati dai patrocini elargiti dalle istituzioni e dalle critiche positive che abbiamo letto sul sito. Riconosco che è un tema delicato e che se si vuole fare speculazione politica la si può fare”.

Una delle più puntuali e meticolose analisi del film Red Land deriva dal collettivo Nicoletta Bourbaki, gruppo di lavoro sul revisionismo storiografico in rete, sulle false notizie a tema storico e sulle ideologie neofasciste. Nella prima parte della serie “Gli incontrollati fantasy su Norma Cossetto” vengono spiegati minuziosamente i contenuti e i retroscena del film, definito già nel titolo “una kolossale foiba nell’acqua”, compreso l’aspetto delle recensioni di MyMovies citate da Rizzi.

ROSSO ISTRIA
Falsi storici. La prima locandina di Red Land - Rosso Istria non rappresentava profughi italiani bensì civili francesi in fuga dai nazisti nel 1940

 

Red Land è il primo film dopo Bengasi di Augusto Genina del 1942 in cui si mostrano le truppe di Hitler arrivare a fare giustizia e ristabilire l’ordine, in un contesto in cui i fascisti sono le vittime soggiogate da barbari slavi senza scrupoli e accecati dall’odio anti italiano. Il gruppo di lavoro Nicoletta Bourbaki pone l’accento sulla ricostruzione e sulla falsificazione storica del periodo in cui si svolge la trama, in un’ottica di “olocaustizzazione del Giorno del Ricordo” e ispirata (ma più largamente inventata) alla vicenda che ha visto protagonista Norma Cossetto, figura ricostruita dagli storici e di cui “si sa allo stesso tempo pochissimo e troppo. Pochissimi i dati certi, troppe le dicerie. Dicerie che non dicono quasi niente sulla sua storia, ma molto su chi le ha raccontate e sui momenti storici in cui sono state diffuse”.

 

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Foibe
Giap / Wu Ming Foundation
giorno del ricordo

“E allora le foibe?”

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement