mike halmo
HCB/Vanna Antonello
Advertisement
Advertisement
hockey

Il nuovo "Michl" Halmo

Intervista bilingue all'ala dell’Hc Bolzano che sta cambiando pelle: più gol, meno penalità. Er erzählt von seinen Leidenschaften und einer möglichen Zukunft in Südtirol.
Advertisement

Support Salto!

Unterstütze unabhängigen und kritischen Journalismus und hilf mit, salto.bz langfristig zu sichern! Jetzt ein salto.abo holen.

Faccia da duro sempre imbronciato sotto la visiera del casco, quando entra alla Brasserie in borghese, Mike Halmo si fatica quasi a riconoscerlo: felpa, t-shirt, un sorriso quasi gioviale e parecchia gentilezza nei modi. L’attaccante dell’HCB Alto Adige Alperia, molto amato dai tifosi, è in un periodo di forma strepitoso, sui livelli della prima incredibile stagione (2018/19), quando il Bolzano vinse il campionato dopo essere entrato d’un soffio ai playoff. Una delle gioie sportive che resterà nella storia di “Hockeytown”(così si intitola il documentario di Daniele Rielli nel quale il giocatore ha un ruolo importante) e nella memoria dei tifosi. Quando ne parla ad Halmo brillano ancora gli occhi.

mike halmo
In borghese  Mike Halmo alla Brasserie di via Buozzi (Foto: salto.bz)

 

Quattro stagioni prima di arrivare nel cuore dell’arco alpino, Halmo, oggi 31enne, pattinava sulle piste ghiacciate del Nord America nel campionato dei marziani, la NHL, indossando la maglia dei New York Islanders. Dopo altre tre stagioni in AHL, dove, per dire, gli stipendi sono di una ventina di volte superiori a quelli che percepisce ora, l’arrivo a Bolzano. Halmo si è innamorato subito (ricambiato) del pubblico bolzanino, della città, delle montagne, dei gelati di Appiano, tanto che dopo un anno in Finlandia (Tampereen Ilves) e, un altro in Renania (Iserlohn), è tornato “a casa” per l’annata 2020-2021. Ha iniziato a imparare il dialetto sudtirolese, l’italiano, a vivere l’Alto Adige outdoor e ora i compagni lo chiamano “Michl”. Basta dare un occhio al suo profilo Instagram per avere idea del suo livello di "immersione" in questa terra, tra foto alla guida di un trattore o trekking e sciate in val Gardena.

Ma quella del rientro fu un’annata shock, non solo a causa degli stadi vuoti per il Covid. L’attaccante canadese sprizzava rabbia agonistica dalla casacca, chiudeva tutte le cariche, e spesso esagerava, tanto che i “due minuti” letteralmente piovevano. Divenne l’incubo degli avversari e venne preso di mira da arbitri e commentatori tv austriaci. Per alcune cariche tipo Tir senza freni collezionò 9 giornate di sospensione, tre delle quali scontate nella finalissima con Klagenfurt. A quel punto la sua fama di “bad boy” gli creò terra bruciata, ma Dieter Knoll, fortunatamente, decise di dargli un’altra chance. I commentatori Tv austriaci lo considerano ancora un pericolo pubblico, ma in realtà, soprattutto in questa stagione sembra un altro giocatore. Duro, ma con giudizio. “Quest’anno abbiamo diversi altri giocatori che giocano in modo fisico, per cui io posso limitarmi”, spiega. Come a dire: qualcuno deve pur farlo. Halmo e compagni saranno in campo domani, sabato 19 novembre, alle 19.45 alla Sparkasse Arena, dove affronteranno i Vienna Capitals.

Welcome back Il video realizzato dalla Foxex Tv  per il ritorno du Mike Halmo #91! dopo i due anni trascorsi in Finlandia e Germania.

 

salto.bz: Als Hockey Spieler kommt man so viel herum. Welcher Ort war bisher Ihr Favorit, aus spielerischer Sicht, aber auch bezogen auf die Lebensqualität?

Mike 'Michl' Halmo: Da muss ich zugeben: Bozen. Ich liebe es hier, sei es hier zu leben als auch zu spielen. Vor den Bozner Fans zu spielen ist fantastisch, besonders dann, wenn wir gewinnen. Aber auch das Leben an sich genieße ich hier sehr. Normalerweise bleibe ich nach der Saison noch ein paar Monate hier. Ich habe mittlerweile viele Freunde hier gefunden und unter der Saison ist es aufgrund des anspruchsvollen Spielplans nicht immer einfach, Zeit mit ihnen zu verbringen. Nach der Hockeysaison habe ich mehr Zeit die Dinge zu machen, die ich wirklich sehr genieße.

Was gefällt Ihnen denn so gut an Südtirol?

Vieles um genau zu sein. Ich liebe es, dass es hier vier Jahreszeiten gibt und jede davon scheint, die Beste zu sein. Gerade jetzt im Herbst, wenn die Blätter sich verfärben, ist es wahnsinnig schön. Die Leute hier scheuen keine Mühen, dass sich andere hier wohlfühlen und geben dir das Gefühl, besonders zu sein. Ich habe Freunde, bei denen ich jede Woche einmal zum Mittagessen eingeladen bin und die Ragù und Spezzatino für mich kochen. Mir kommt es immer so vor, als würde ich ständig jemanden etwas schulden, weil andauernd so viel für mich getan wird. Die Menschen hier sind so gastfreundlich, ich mag es einfach, Zeit mit ihnen zu verbringen.

Was machen Sie hier am liebsten, wenn Sie nicht Hockey spielen?

Unter der Saison mag ich es, Spaziergänge in Eppan zu machen. Ich liebe es in Südtirol wandern zu gehen, besonders in Gröden. Ich besuche aber auch gern andere Orte, wenn man einmal ein paar freie Tage bekommt. Letztes Jahr, als wir es nicht bis in die Playoffs geschafft haben, konnten wir im März sogar noch skifahren, das war unglaublich. Ich konnte das seit einer Ewigkeit nicht mehr machen und es ist definitiv etwas, auf das ich mich jetzt schon freue, wenn ich dann einmal nicht mehr Hockey spiele.

halmo_disco.jpg
Mike Halmo "palleggia" con il disco (Foto Hcbfans.net/Valentina Gallina)

 

Das ist bereits Ihre vierte Saison mit dem HCB. Nach Ihrem ersten Jahr sind Sie allerdings zuerst nach Finnland und dann nach Deutschland gegangen. Warum sind Sie danach wieder hier zurück gekehrt und dann auch geblieben?

Ich denke das ist etwas Gutes und etwas Schlechtes. Nachdem ich damals nach meiner ersten Saison nach Finnland gegangen bin, habe ich gemerkt, wie sehr ich Bozen vermisse. Hockey in Finnland war natürlich anders, aber vor allem das Wetter und die Leute haben mir sehr gefehlt. Nach Finnland bin ich dann auch für eine Saison nach Deutschland gegangen. Danach habe ich dann endlich gesagt, das war’s, ich gehe wieder zurück nach Bozen. Ich hoffe sehr, bis zu meinem Karriereende hier spielen zu können.

Sie sind wahrscheinlich der erste Importspieler in der Geschichte des HCBs, der versucht, alle drei offiziellen Landessprachen Südtirols zu lernen. Wer hilft Ihnen dabei und wo nehmen Sie diese Motivation her?

Ich mag es, mit Menschen zu kommunizieren. Sprachen haben mir schon immer gefallen, in französisch war ich in der Schule zum Beispiel immer recht gut. Mir gefällt der deutsche Dialekt hier sehr, mit Italienisch habe ich erst angefangen und es wird noch ein bisschen dauern, bis ich es gut beherrsche. In der Mannschaft gibt es natürlich mehrere Spieler, mit denen ich üben kann und die mir neue Wörter lernen. Glück, Kasslatter und Pitschieler haben mir schon einiges in Ladinisch gelernt. Frigo gibt mir immer wieder einen Ruck, mein Italienisch zu verbessern. Den deutschen Dialekt spreche ich mittlerweile recht gut, um mich im Alltag zurecht zu finden. Ich glaube, deshalb möchte ich mich jetzt auch auf Italienisch konzentrieren. Diesen und letzten Herbst haben Sie sogar beim „Wimmen“ geholfen.

 

Haben Sie zu Hause in Kanada einen ähnlichen Lifestyle?

Tatsächlich ist meine Mutter auf einer Tabakfarm aufgewachsen. Sie hat schon früh angefangen dort mitzuhelfen und hat mir immer erzählt, wie hart sie dort gearbeitet hat. Ich bin jedoch in einer städtischen Gegend aufgewachsen und habe, bevor ich nach Südtirol gekommen bin, diese Dinge nie erlebt. Ich finde es toll, eine andere Lebensweise kennenzulernen. Viele Leute hier sind Bauern und mir gefällt es, den Tag im Freien zu verbringen und Teile dieser Arbeit zu erlernen. Es ist eine schöne Erfahrung und es gibt dir eine andere Perspektive auf das Leben. Man weiß dann auch den eigenen Job mehr zu schätzen.

Gute Spieler in einem Team zu haben ist gut, aber reicht nicht, um eine Meisterschaft zu gewinnen. Welche Aspekte sind Ihrer Meinung nach am wichtigsten, um als Mannschaft eine erfolgreiche Saison zu haben?

Hart zu arbeiten und sich um die anderen zu kümmern. Wenn du dich um deine Mannschaftskollegen kümmerst und sie dir wichtiger sind als du selbst, sagt das viel über dich aus. Es zeigt auch, dass du deine Zeit und deinen Einsatz widmest, um etwas als Team zu gewinnen, ohne nur an dich selbst zu denken. Ich glaube, das war eine sehr große und wichtige Stärke unseres Teams in der Saison 2017/2018. Jeder hat sich für den anderen eingesetzt und sich nicht selbst an die erste Stelle gesetzt. Wahrscheinlich war das ein Hauptgrund, warum wir gewinnen wollten: Wir alle wollten noch mehr Zeit mit dem Team verbringen, uns jeden Tag sehen und nicht schon im Februar oder März nach Hause fahren. Das war eine Erfahrung, die ich nie wieder vergessen werde.

halmo_porta.jpg
MIke Halmo sotto porta. Quest'anno ha iniziato la stagione segnando molto  (Hcbfans.net/Valentina Gallina)

 

Arriviamo a parlare di questa stagione. Che inizio: 9 gol e 7 assist, il Bolzano è al primo posto.

Nel team c'è un buon clima, è molto divertente giocare in questa squadra. Ogni mattina sono entusiasta di andare in pista ad allenarmi. Abbiamo tutti un obiettivo in mente, penso che siamo in grado di arrivare in finale e di darci la possibilità di vincere il campionato ed è questo obiettivo a guidarmi come giocatore.

Abbiamo tutti un obiettivo in mente, penso che siamo in grado di arrivare in finale e di darci la possibilità di vincere il campionato

Finora lei ha avuto solo 14 minuti di penalità, è diventato un bravo ragazzo? I giornalisti austriaci parlano ancora di lei come del "bad guy".

Faccio del mio meglio per essere amico degli arbitri (ride, ndr) . Non è sempre facile, ma faccio del mio meglio. Negli ultimi anni mi sentivo come se fossi tra i pochi a giocare in questo modo e mi sentivo quasi di ‘dover’ giocare duro e forse a volte un po' troppo duro. Quest'anno ci sono altri ragazzi che giocano in modo fisico e quindi mi tolgono questo peso dalle spalle e questo rende più facile andare in campo e giocare in ogni aspetto del gioco.

mike halmo protesta con gli arbitri
Proteste Mike Halmo sembra non aver gradito la decisione degli arbitri (Foto HCB/Vanna Antonello)

 

Negli anni scorsi aveva un buon feeling con Brett Findlay (ora a Villach), che è un giocatore molto tecnico ed entrambi avete fatto molte giocate spettacolari insieme. Oltre a Gazley, che è rimasto in linea con lei, ora gioca con McClure e sta segnando molti più gol rispetto al solito. Cosa è cambiato?

Penso che abbiamo trovato la nostra chimica abbastanza rapidamente. Sto giocando con ragazzi che lavorano molto duramente, è divertente giocare con loro e ogni volta che segno, soprattutto Brad (Mc Lure) viene a festeggiare più felice di me. E’ un compagno di linea davvero incredibile. Uno dei maggiori punti di forza di tutta la squadra è lavorare sodo e credo che questo sia sempre un fattore di successo"

Tre stagioni fa il Bolzano ha raggiunto la finale contro il Klagenfurt, ma lei ha avuto un anno veramente difficile. Molte sospensioni, il colpo su Wukovits che le è costato 4 turni ...

Quell'anno ho avuto alcune sospensioni ma credo che ci siano state anche un paio di situazioni sfortunate, soprattutto la prima (uno scontro in mezzo alla pista da ghiaccio in una partita contro Villach). Indubbiamente mi piace essere fisico e fare cariche, ma ovviamente so che il gioco è cambiato parecchio da quando ho iniziato la mia carriera da professionista. Una big hit non è più così importante come allora, e se mi mette fuori per tre o quattro partite, non ne vale la pena. Ho ancora qualche anno di carriera e non vorrei più fare del male a nessuno; mi sono un po' addolcito e ho iniziato a fare yoga e meditazione (ride, ndr).

L'hockey è ancora uno sport molto fisico, ma non è più quello di 30 anni fa. Ci sono differenze tra il Nord America e l'Europa?

È sicuramente cambiato in Nord America e in Europa, ma direi che è ancora un po' più duro e fisico in Nord America. A volte mi capita di guardare gli highlights della NHL la mattina e di scuotere la testa perché non riesco a credere a quanto siano bravi questi giocatori. So che se iniziassi la mia carriera nell'hockey ora non riuscirei mai a giocare da professionista, perché ora sono troppo più veloci e tecnicamente abili. Mi manca la vecchia scuola, ovviamente, perché io ho iniziato a giocare a livello professionistico quando stava nascendo questo nuovo tipo di gioco. Ma credo che l'hockey sia cresciuto e sia diventato molto più popolare in tutto il mondo grazie all'aumento delle abilità e della velocità, quindi se è meglio per la crescita del gioco allora apprezzo anche il cambiamento.

In Canada l'hockey è forse lo sport più popolare. Come ha iniziato a praticarlo da ragazzo, per quale squadra faceva il tifo e chi era il suo giocatore preferito?

Entrambi i miei fratelli maggiori giocavano a hockey, per cui sono cresciuto in una pista di hockey, e quindi insistevo sempre con i miei genitori sul fatto che volevo giocare a hockey. Ricordo che mia madre mi portò per la prima volta alla pista di pattinaggio, cercando di insegnarmi a pattinare, e io vidi un ragazzo che camminava sul ghiaccio e cominciai a imitarlo e mia madre si arrabbiò dicendo: "Questo non è pattinare, devi fare una falcata". È un ricordo piuttosto vivido che non dimenticherò mai. Sono cresciuto a Toronto e tutti i miei amici tifavano per i Maple Leaves, ma a me piaceva Ottawa perché aveva un paio di tipi tosti in squadra. Il mio giocatore preferito da bambino era probabilmente Tie Domi, un ragazzo basso che non aveva paura di nessuno e giocava duro. Mi piaceva anche guardare Darcy Tucker. Ma tutti i miei amici erano tifosi dei Leafs, quindi ero sempre un po' il tipo cui andare contro, ma ovviamente mi piaceva vederli giocare ed era sempre un grande evento quando giocavano a Toronto.

mike_halmo_bimbo.jpg
Mike Halmo in una foto di un po' di anni fa. La passione è sbocciata presto (Foto Mike Halmo)

 

Lei è arrivato in Nhl, il sogno di ogni giocatore di hockey, ma cosa le è mancato per rimanere lassù? Il gioco è cambiato così rapidamente?

Ricordo che il mio primo anno a Bridgeport è stato molto duro per me, perché quell'anno la NHL era chiusa e tutti i giocatori che avevano diritto a giocare nella American League erano stati mandati giù e c'erano così tanti giocatori a Bridgeport … . Ricordo che sono stato un "healthy scratch" (un giocatore non infortunato della rosa che non scende mai in campo), forse per la prima metà della stagione, poi la NHL è tornata e tutti i giocatori più bravi sono tornati in alto e io ho potuto iniziare a giocare. Ricordo che dopo quell'anno ero piuttosto arrabbiato per come era andata la stagione. In estate ho lavorato molto duramente e l'anno successivo sono tornato più forte e molto più motivato a cercare di giocare nella NHL e a seguire il mio sogno. Dopo un mese o due in cui ho giocato molto bene, sono riuscito a giocare in prima linea con Ryan Strome e Anders Lee. Siamo riusciti a trovare una buona intesa e abbiamo giocato tutto l'anno insieme, guidando in un certo senso la squadra. Alla fine dell'anno un paio di giocatori degli Islanders si sono infortunati e io sono stato richiamato insieme a Strome e Lee, il che è stato un bel ricordo: abbiamo ricevuto la chiamata più o meno nello stesso momento. Lee mi ha passato il telefono quando l'allenatore ha chiamato perché ero proprio accanto a lui. E poi ha chiamato me, è stato un sogno. Non credo che se non ci fossero stati infortuni mi avrebbero convocato, c'erano anche alcuni ragazzi della mia squadra che avrebbero dovuto essere convocati prima di me. Ma me la sono cavata abbastanza bene e probabilmente è stato il miglior hockey che ho giocato in vita mia, ma una cosa che mi è sempre mancata è stata la qualità del pattinaggio. Lo sentivo già nella AHL ma nella NHL ancora di più. Dopo quell'anno mi sono infortunato e sono stato operato di ernia e non sono più riuscito a risalire.

La stagione successiva ha giocato una buona stagione con i Syracuse Crunch e poi cosa è successo? Che salto è stato arrivare qui? Ha mai sentito parlare di Bolzano prima di allora?

Sì, ho giocato a Syracuse e ho avuto una buona annata, quindi in estate stavo aspettando che una squadra mi chiamasse, ma nessuno mi ha chiamato. L'allenatore del Bolzano di allora, Pat Curcio, mi chiamava ogni giorno dicendomi che tutti i posti erano occupati in Nord America e che avrei dovuto iniziare a pensare all'Europa. Era già estate inoltrata, di solito se vuoi andare in Europa lo decidi un po' prima. Non c'erano molte squadre che mi chiamavano, ma io pensavo di non voler ancora andare in Italia a giocare a hockey, ma alla fine, dopo qualche settimana di telefonate di Curcio, ho visto i nomi di alcuni dei ragazzi che avevano firmato lì e quindi ho pensato che questa sarebbe stata davvero una delle mie uniche opzioni. Venire a giocare qui è una cosa di cui non mi pentirò mai, anzi. Il primo anno qui è stato probabilmente il migliore della mia vita, ho passato un anno fantastico.

L'unica ragione per cui non rimarrei qui è la famiglia, ma allo stesso tempo devi anche vivere la tua vita, quindi vedremo cosa succederà, ma di certo non mi dispiacerebbe rimanere qui per il resto della mia vita.

In Finlandia e Germania come è andata?

In realtà con il passare del tempo ho imparato ad apprezzare la Finlandia. La città in cui ho vissuto, Tampere, non mi dispiaceva, era davvero una bella città, ma l'hockey non era proprio nel mio stile e io ero solo uno dei due stranieri della squadra, quindi ci frequentavamo solo tra di noi, non c'era un'atmosfera di squadra. Soprattutto venendo da una squadra in cui tutti andavano d'accordo, era come passare da una fase high della tua vita a una fase low. Poi sono andato in Germania e mi sono trovato bene, ma la squadra non era così forte, quindi non ci siamo divertiti molto. Una cosa che mi piace molto del Bolzano è che i giocatori italiani sono persone fantastiche e mi piace giocare con loro e vederli ogni giorno, e questo è un motivo importante per cui mi piace giocare qui.

E per il suo futuro: dove si vede dopo il ritiro?

È una domanda che mi pongo ogni giorno e naturalmente voglio giocare a hockey qui il più a lungo possibile. Quando torno a casa in Canada, d’estate, per le prime settimane sono un po' depresso perché mi mancano le montagne, il lago e cose del genere. Ogni volta che vado al café ad Appiano, dove c'è un’agenzia immobiliare, guardo sempre gli appartamenti in vendita e penso di comprare casa qui e vivere qui. Ovviamente ho una famiglia in Canada e anche i miei fratelli hanno una famiglia ora, quando torno a casa in estate passo molto tempo con loro, quindi probabilmente sarebbero l'unica ragione per cui non rimarrei qui, ma allo stesso tempo devi anche vivere la tua vita, quindi vedremo cosa succederà, ma di certo non mi dispiacerebbe rimanere qui per il resto della mia vita.

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement