Gigi Spagnolli 2005
Othmar Seehauser
Advertisement
Advertisement
L'intervista

“Cara politica, quanto non mi manchi”

L'ex sindaco di Bolzano Gigi Spagnolli a tutto campo: “Che mi rimane di quella vita dopo dieci anni? A parte i ricordi, direi zero e va bene così”.
Von
Bild des Benutzers giuseppe musmarra
giuseppe musmarra24.04.2021
Advertisement
Non si è fatta ancora mezzanotte, anzi ancora manca un bel pezzo: ma le luci si sono già ampiamente spente sulle passeggiate in una serata tipo della seconda primavera Covid qui a Bolzano, molto buia e con poche nuvole. Gigi Spagnolli, che di Bolzano è stato sindaco per dieci lunghi anni cammina e ricorda, ricorda e cammina: “Vede, potrei misurare questi spazi qui metro per metro, qui da ragazzo venivo a fare le ripetute di corsa per le mie gare, ero un discreto atleta. Poi l'ortopedico a un certo punto mi dice guarda Gigi ormai più che ossa hai solo cartilagini, basta così, devi fermarti. Avevo solo 24 anni, e da allora in sostanza ho smesso, dopo ho fatto solo un paio di maratone a New York, ma da semplice amatore”.

 

salto.bz: Essere dieci anni il sindaco significa incontrare una baraonda di persone, avere tanti contatti e rapporti, e i partiti, e le alleanze, e le infinite trattative, e le elezioni etc. Che cosa è le rimasto, di tutto questo?

Gigi Spagnolli: Fare il sindaco della propria città è un grande onore e lo è stato anche per me. Ma a parte gli amici e i ricordi, tanti ricordi, direi che non mi è rimasto nulla, sostanzialmente nulla. Zero. E va bene così.

Cosa le rimane, invece, delle cose che ha fatto?

Soprattutto, mi piace aver fatto il sindaco di una Bolzano pienamente inserita nella sua provincia: ho molto lavorato per superare barriere, anche culturali, che volevano lo stereotipo di una città centro di tutti i problemi inserita in una provincia invece virtuosa. Ho lavorato per unire, per ricucire, per valorizzare, e il fatto che Bolzano sia stata stabilmente con me ai primi posti per anni in tutti gli indicatori di qualità della vita qualcosa vorrà dire. E poi sono anche contento di aver svolto incarichi di rilevanza nazionale nell'associazione dei Comuni, e da Presidente della Commissione Ambiente Anci-Conai di aver contribuito a migliorare il lavoro di tutti i comuni italiani.

Non è assolutamente vero che la mia Bolzano fosse ferma, anzi abbiamo superato una crisi devastante, epocale, come quella del 2008 senza che nessuno si accorgesse sulla propria pelle delle difficoltà

Da parte del sindaco in carica, Caramaschi, si sente spesso ripetere che con lui Bolzano sarebbe ripartita, e che prima era ferma eccetera. Cosa c'è di vero? La Bolzano di Spagnolli era davvero ferma?

Caramaschi, che stimo, quando dice queste cose fa come i politici di professione, sembra sempre che la storia cominci improvvisamente con loro e che prima di loro ci fosse il deserto, il nulla. Non è assolutamente vero che la mia Bolzano fosse ferma, anzi abbiamo superato una crisi devastante, epocale, come quella del 2008 senza che nessuno si accorgesse sulla propria pelle delle difficoltà. La verità è che il profondissimo civismo della città e di chi la abita, la qualità dei suoi funzionari e dell'apparato comunale già da soli rendono l'amministrazione su uno standard qualitativo assai elevato. Chi fa il sindaco parte avvantaggiato per questo, è capitato a me, come a Salghetti, così capita a Caramaschi.

Una cosa che invece non le è riuscita o che avrebbe voluto le riuscisse meglio?

Un amministratore pubblico realizza in genere una percentuale minima delle cose che andrebbero fatte: per mancanza di risorse, di tempo o, al momento di decidere, del consenso necessario. Mi dispiace non aver potuto fare di più per realizzare il Polo bibliotecario plurilingue, il cui progetto ho comunque lanciato firmando l’accordo con la Provincia. Il nostro piccolo Beaubourg, un luogo dove poter conoscere le espressioni della cultura in tutte le sue forme, grafiche, visive, auditive, tattili, eccetera, ed in tutte le lingue. Un progetto innovativo che è rimasto incompreso alla maggior parte dei bolzanini, fuorviati dalla polemica, generata dalla politica ed esplosa sui media e sui social, sulla conservazione dei muri dell’edificio ex scuola Longon-Pascoli. 

Gigi Spagnolli
Gigi Spagnolli: sindaco di Bolzano per dieci anni (2005-2015) cammina e ricorda, ricorda e cammina

 

La sua attività di sindaco le ha anche lasciato lo strascico di un processo per abuso d'ufficio. Come vive la faccenda?

Ho sempre agito con onestà nell’interesse della città, altro non vorrei dire nel merito essendoci un procedimento in corso.

Le manca adesso la politica?

Guardi, assolutamente no, è stressante, orrendamente stressante. Si arriva a un livello di sollecitazione costante per sedici ore al giorno, spesso per produrre poco o nulla, perché, se non metti d’accordo le persone, non si decide. È un lavoro che usura e che non può anzi non deve proseguire all'infinito.

In che cosa la Bolzano di oggi è diversa dalla sua Bolzano?

Premettendo che oggi il Covid ha cambiato tutto, probabilmente è anche molto diversa la qualità umana e di preparazione dei politici attuali, lo scadimento è molto marcato. Oggi, salvo alcuni casi che per fortuna ci sono, una persona che abbia una propria attività non ci si mette nemmeno in politica perché ha solo da rimetterci, ecco che a frequentarla sono ormai solo le seconde file e le terze file, e questo la gente lo sente, lo percepisce chiaramente.

Premettendo che oggi il Covid ha cambiato tutto, probabilmente è anche molto diversa la qualità umana e di preparazione dei politici attuali, lo scadimento è molto marcato

Arno Kompatscher, Presidente della Provincia, è molto criticato per la gestione della pandemia: lei come valuta il suo operato?

Sul Covid può anche aver toppato qualcosa, ma comunque Arno è e resta di qualche spanna al di sopra, per qualità, per competenza, rispetto a tutte gli altri che potrebbero ambire alla sua carica, ad esempio Achammer, Alfreider, Widmann. Tutte degne persone, per carità. Ma Arno ha una marcia in più. Non lo dico perché è mio amico. Anzi, è il contrario: è mio amico anche perché so quanto vale.

In tutti questi anni qual è stato l'avversario politico che le ha dato più filo da torcere?

Il giornale Alto Adige, senza dubbio.

Ma l'Alto Adige non è un avversario politico, è un giornale: sicuro di non esagerare? Non è che soffre di manie di persecuzione?

Guardi, un esempio: il Dolomiten, quando cita un amministratore pubblico, usa sempre la stessa foto sorridente, generando fiducia. L’Alto Adige invece non vede l'ora di metterti sempre in pagina con un mezzo sorriso storto, o con in mano un bicchiere di vino, non perde occasione per ridicolizzare ogni cosa che fai invece di raccontarla: in questo modo, nel contrasto col Dolomiten - perché ricordiamoci che viviamo in questa terra, dove esiste, inevitabilmente, il dualismo etnico - ti denigra e diventa un avversario politico. L'ho detto anche al direttore, lui dice che parlo da uomo ferito.

Vabbè voi politici con la stampa avete sempre un rapporto particolare. Ma andiamo al nocciolo dell'osservazione: lei ci si sente, ferito?

No, e per mia natura non porto mai rancore e guardo sempre avanti. Oggi faccio la mia vita da dirigente dell'ufficio caccia e pesca, mi capita di avere fortunatamente tanti contatti con la natura, di vedere gli animali, anche i lupi, al mattino presto. Lei li hai mai visti i lupi? Che spettacolo! Del resto, quando mi hanno chiamato qui a fare il sindaco ero a Bormio, dirigevo il Parco dello Stelvio, la natura è la mia vera passione, la natura è una cosa meravigliosa e va conservata. Adesso sono divorziato, bado a sostenere i miei figli all'università e ad accudire il mio babbo che ha 87 anni. Io e i miei  fratelli ce ne prendiamo cura cercando di restituirgli un po' di tutto quel che ci ha donato.

Qui sul campanello della bici ha ancora lo stemma del Pd. Non è che in politica ci tornerebbe, anche solo un giretto senza impegno?

Ogni cittadino fa politica, nelle cose che fa, tutti i giorni, sempre.

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers luigi spagnolli
luigi spagnolli 24.04.2021, 10:08

Un'intervista in cui mi riconosco. Non succede sempre. Grazie per questo a Giuseppe Musmarra.

Bild des Benutzers Gianguido Piani
Gianguido Piani 24.04.2021, 10:42

Egregio Spagnolli! Quando Lei era Sindaco Le scrissi in diverse occasioni per una questione di verde a rischio cementificazione. Il Comune avrebbe potuto agire in tempo, non l'ha fatto. La direttrice dell'Ufficio preposto confermò il punto di vista mio e di alcuni vicini che alberi protetti erano a rischio, avreste avuto gli strumenti necessari per intervenire. In una lettera Lei mi confermò che piante abbattute sarebbero state prontamente ripiantumate. Non lo sono state. L'area è ora cementificata. Questo non Le ha impedito di andare a Bruxelles per firmare la "Convention of Mayors" sull'ambiente. Non risponda a me, ma ai giovani di Fridays for Future. Bolzano ha bisogno di più parcheggi o più verde urbano? E un Sindaco nelle sue 16 ore al giorno può prendere posizione o deve solo mitigare interessi, cercare compromessi che inevitabilmente avvantaggiano il più forte?
E' troppo chiedere coerenza? Copriteci di cemento, ma almeno ritirate la firma dalla Convention delle città ambientaliste.

Bild des Benutzers luigi spagnolli
luigi spagnolli 24.04.2021, 13:57

Gentile Signor Piani, non ricordo il fatto, ma
se le piante erano a rischio, come Lei scrive, andavano abbattute. Se non sono state ripiantate lì, lo sono state altrove in città: Bolzano da decenni, compreso il mio periodo amministrativo, pianta ogni anno più alberi di quanti ne abbatta. Il Comune in questo ha la coscienza a posto ed è coerente con gli impegni presi - mi dispiace se le era stato scritto il contrario, ma come detto non ricordo il caso -. In ogni caso compito del Comune è tutelare e migliorare l'ambiente urbano, che è cosa diversa dal, e può non coincidere con il, salvare ad ogni costo gli alberi davanti alla sua finestra.

Bild des Benutzers Gianguido Piani
Gianguido Piani 24.04.2021, 15:04

Gentile Dott. Spagnolli,
Grazie per il Suo riscontro!
Le piante cui mi riferisco erano a rischio di venire abbattute per motivi commerciali, non fitosanitari. Ho la documentazione necessaria. Degli uffici del Comune l'unico che si è attivato prontamente sulle mie segnalazioni indicando che le piante NON dovevano venire abbattute è stata la giardineria comunale nella persona della sua direttrice.
Dove c'erano le piante oggi c'è cemento.
Le propongo un incontro di persona per un confronto, ad esempio moderato da un redattore di Salto. A posteriori ho ricevuto informazioni che erano a conoscenza del Comune e sulla base delle quali il Comune non ha agito. Possiamo poi disquisire sul livello di responsabilità, quanto fosse a conoscenza del Sindaco, quanto dell'Assessore e quanto dei dipendenti dell'Ufficio tecnico. Indubbiamente il Sindaco può e deve delegare decisioni. Della questione avevo avuto modo di parlare di persona anche con l'allora Assessore Bassetti, molto bene informato sui dettagli, che mi fece capire che ci sono le leggi e ci sono i "poteri". Da sola, la legge conta poco e può sempre venire "interpretata".
Accetta la mia proposta di un incontro moderato?
Nel caso, a dieci anni di distanza, Lei si trovasse a darmi ragione su fatti oggettivi e documentati potrebbe aiutare a salvare quello che, forse, è ancora salvabile?

Bild des Benutzers luigi spagnolli
luigi spagnolli 24.04.2021, 16:09

Purché sia chiaro che, nella mia attuale collocazione sociale, non ho alcun titolo diverso dal suo per farmi valere in Comune.

Bild des Benutzers Gianguido Piani
Gianguido Piani 24.04.2021, 11:12

Ma guarda un po' le coincidenze. Subito dopo il mio commento postato qui è apparso su Salto l'articolo "EU am Boden" dedicato al "Bodenverbrauch". Niente niente che anche a Bruxelles inizino a capirla...

Bild des Benutzers luigi spagnolli
luigi spagnolli 24.04.2021, 14:01

Molto bene. Bene anche che l'Assessora coinvolga i cittadini. Il problema esiste eccome, ma non solamente a Bolzano, anzi a Bolzano il consumo di suolo è percentualmente minore che in molti altri Comuni altoatesini.

Bild des Benutzers Andreas Berger
Andreas Berger 24.04.2021, 15:20

Luigi Spagnolli è stato un grande Sindaco. Merita la gratitudine di tutta la città. Dopo il referendum per piazza Vittoria/piazza della Pace, che fece riaffiorare una dura contrapposizione etnica, e costò a Salghetti la rielezione, Spagnolli seppe riconciliare la città. Ricordo che fu duramente attaccato da una parte dei partiti cittadini, ma vinse tre volte le elezioni a larga maggioranza, e avviò parecchi progetti che il suo successore e la sua giunta potranno portare a compimento.

Bild des Benutzers Massimo Mollica
Massimo Mollica 24.04.2021, 20:42

Massima stima per Luigi. E sono contento da bolzanino averlo avuto come sindaco della mia città!

Advertisement
Advertisement
Advertisement