Sad, autobus, Tpl
Thomas Ohnewein
Advertisement
Advertisement
Finferli & Nuvole

VirBus

Di come a bordo di un autobus l'invito ad indossare la mascherina rivolto ad un giovane abbia scatenato una rissa verbale. Senza risposta la segnalazione alla SAD.
Kolumne von
Bild des Benutzers Fabio Marcotto
Fabio Marcotto21.12.2021
Advertisement

Verso fine novembre introducono l'obbligo di mascherina FFP2 nei trasporti pubblici. E' tardo pomeriggio. In un bus Sad, da Appiano per Bolzano, quattro o cinque passeggeri non hanno alcuna mascherina, una metà di essi ha solo quella chirurgica.

Alla mia richiesta di indossarla il giovane che siede dietro di me dice: “stai zitto figlio di puttana”. E' solo il primo di una serie di epiteti. Sbraita, urla quasi. Lo sente tutto il bus. Nessuno interviene. Vado dal conducente e lo informo. Il conducente ferma il bus e invita tutti a mettere la mascherina. Il giovane la indossa per un secondo e poi la toglie. Me la sventola davanti agli occhi e dice: “vedi? Io ce l'ho ma non la indosso.”

Fingo di chiamare i carabinieri (non potrebbero mai arrivare in tempo) e allora i 4/5 smascherati scendono a Firmian. Compreso il giovane seduto dietro di me.

Di ritorno, attorno alle 21, il tipo risale in piazza Gries. Mascherina per un attimo, poi la toglie. Lo invito a metterla e lui riparte come all'andata. Figlio di puttana, madre troia, stronzo. Questa volta rispondo per le rime. Chiudo gli occhi e per un attimo la mia mano si alza per smaltarglisi a tutto palmo sulla guancia. Quando li riapro la visione è sparita. La mia mano non si è mai alzata e la bocca del giovane è sempre spalancata: figlio di puttana, madre troia, stronzo.

Arriva il conducente e gli sussurra qualcosa nell'orecchio. Dobbiamo andare, dice poi. Deve mettere la mascherina, dico io. Dobbiamo andare, ripete.

Questa volta i carabinieri li chiamo davvero. Ed è in questo momento che due o tre passeggeri si fanno sentire. “basta, quali carabinieri, sta cazzo di mascherina, vogliamo tornare a casa.”

Tanja e io scendiamo dal bus. Prendiamo un taxi.

Il giorno dopo segnaliamo il fatto alla polizia locale di Appiano, che ci accoglie subito.

E, il giorno stesso, alla SAD. Che non ha ancora risposto.

 

 

 

 

Per un errore in fase di DESK l'articolo è stato attribuito per un paio d'ore a Fabio Gobbato anziché al suo autore, Fabio Marcotto. Ce ne scusiamo con lo stesso autore e con i lettori.

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Heinrich Zanon
Heinrich Zanon 21.12.2021, 19:14

Episodio più che allarmante e scandaloso, anche per qunto attiene alle descritte poco confortanti (per non usare epiteti più pesanti) reazioni degli altri passaggeri presenti.
Vorrei potermi illudere che i Carabinieri e la SAD ce la metteranno tutta per identificare e denunciare i responsabili e per informare la collettività sugli esiti. Diversamente la lotta alla diffusione dei contagi sarà definitivamente un fallimento.

Bild des Benutzers Martin Aufderklamm
Martin Aufderklamm 21.12.2021, 20:57

Ah Fabbbbbio, la Sad non ti respinderà, perchè da metà novembre il 131, 132 e 136 sono in carico alla Sasa come gestore.

Bild des Benutzers Fabio Marcotto
Fabio Marcotto 21.12.2021, 21:24

Grazie Martin, non lo sapevo. Sono sicuro che almeno tu mi aiuterai a ritrovare il passeggero di cui sopra

Advertisement
Advertisement
Advertisement