Carlo Costa
Privat
Advertisement
Advertisement
wahlen 18 Elezioni

“Spetta solo alla Svp”

Il regista del Pd Carlo Costa sulla sconfitta elettorale, il toto-giunta, il fattore-Salvini e il ko di Tommasini. Rischio uscite dal partito? “Ricostruiamo, piuttosto”.
Von
Bild des Benutzers Sarah Franzosini
Sarah Franzosini24.10.2018
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Huber, Alessandro
Salto.bz
Christian Tommasini
Suedtirolfoto.com/Othmar Seehauser
wahlen 18 Elezioni

“Inutile recriminare”

Carlo Costa
Screenshot/Youtube
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Massimo Mollica
Massimo Mollica 24.10.2018, 13:25

Ribadedno che gli "italiani" hanno votato SALVINI, ma che questo non vive a Bolzano, vorrei capire i passi del PD che come al solito minimizza le sconfitte e parla di resti e seggi persi. Quali sono le idee future? Ci dobbiamo aspettare altre scissioni? (in fondo fino all'atomo si può arrivare). Io chiedo un congresso aperto a tutti e pubblico ma pare che questo non lo si voglia fare. Allora invito a fare l' assemblea del 29 ottobe al parco stazione, simbolo del voto salviniano! Chissà se hanno il coraggio!

Bild des Benutzers luigi spagnolli
luigi spagnolli 24.10.2018, 16:05

Sempre grande rispetto per Sarah Franzosini, ma certe domande sono dettate dai soliti luoghi comuni privi di fondamento - ma in quanto reiterati, considerati realtà -:
1. "... una certa gestione del potere non apprezzata dell'elettorato...": non è certo con la gestione del potere che si ottengono consensi oggi in Italia, né in un senso né nell'altro, bensì con l'immagine che si dà. L'attuale Governo è il peggiore della storia d'Italia, sta facendo danni che pagheremo per decenni, ma i consensi per ora lo sostengono;
2. "...refrain costante... l'eccessiva condiscendenza del PD verso l'SVP...": è il refrain dell'opposizione, se i media lo fanno proprio fanno una scelta politica. Anche la destra tedesca usa il refrain della SVP appiattita verso lo Stato Italiano, ma quel refrain lì viene dimenticato. E del Comune di Laives, che pure da tre anni a oggi non ha mai registrato dissidi tra il governo di destra e l'SVP, nessuno dice mai che è condiscendente. Un caso?
3. "gli "Italiani" sono tornati a votare...".
Dunque: a Bolzano nel 2013 ha votato il 64,6%, nel 2018 il 64,6%. Oltradige/Bassa Atesina 77,1%-74,4%. Burgraviato 77,4% z 72,5%. Chi è che è tornato a votare?
Il PD ha perso, ma per piacere facciamo analisi corrette, ovvero non fondate su convinzioni magari condivise ma fasulle. Grazie.

Bild des Benutzers Sarah Franzosini
Sarah Franzosini 27.10.2018, 01:31

Caro Spagnolli, incasso la reprimenda ma mi permetta alcune puntualizzazioni. “Luogocomunismo” o meno trovo che, a bocce ferme (o quasi), un’analisi sulla presunta remissività più volte imputata al Pd nei confronti del partner di governo - con tutto ciò che ne consegue - sia non solo legittima ma anche necessaria se, ammesso e non concesso, questo fattore sia da considerarsi un riverbero del voto elettorale. Né mi pare ozioso domandare se la parabola del partito dipenda anche dal pugno di notabili che l’ha gestito, ma capisco che fare autocritica non sia semplice in questa fase. In ultimo, come lei sa benissimo, dal 2013 a oggi i vari appuntamenti elettorali, guardando al trend generale, non mi sembra abbiano restituito l’immagine di un elettorato esattamente impaziente di andare a votare. Solo qualche dato sull’affluenza nel confronto tra il 2018 e il 2013: Bolzano - 48.108 / 47.448 (comunali 2015: 45.263); Laives - 8.936 / 8.205; Vadena - 524 / 483.
Con stima, S.F.

Bild des Benutzers Antonio Frena
Antonio Frena 27.10.2018, 17:32

Caro Gigi, i punti 1, 2 e 3 che tu elenchi nella tua risposta e definisci "luoghi comuni" potranno pure non piacerti, ma sono tremendamente veri. E ti sbagli su alcune affermazioni apodittiche, tipo quella sul peggiore governo: peggio di Renzi sarà molto difficile fare.

Bild des Benutzers Marcus A.
Marcus A. 24.10.2018, 21:50

Von Eigenkritik keine Spur...
Vielleicht sollte Herr Costa einmal darüber nachdenken, dass ein möglicher Grund für das Desaster ganz, ganz nah liegen könnte.......
Ein ernst gemeinte Frage an Experten: hat sich Herr Costa irgendwann und irgendwo überhaupt einmal einer demokratischen Wahl gestellt? (abgesehen von parteiinternen "Wahlen"?

Advertisement
Advertisement
Advertisement