Caspar David Friedrich
w
Advertisement
Advertisement
Avvenne domani

Erano romantici

Forse, nel dì di Festa, qualcuno voleva sfuggirgli, ma l’occasione di fare una riflessione complessiva sul movimento No Vax era troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire.
Kolumne von
Bild des Benutzers Maurizio Ferrandi
Maurizio Ferrandi25.12.2021
Advertisement

L’appuntamento natalizio con le mie note si esaurisce, questa settimana, oltre che degli auguri di rito, in un consiglio.
So che l’argomento ha occupato ed occupa talmente i nostri pensieri e tutti gli spazi dell’informazione scritta, parlata, on-line che forse, nel dì di Festa, qualcuno voleva sfuggirgli, ma l’occasione di fare una riflessione complessiva su un fenomeno, come quello dello scetticismo antiscientifico che alimenta il movimento No Vax era troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire.

È un percorso che si snoda attraverso gli influssi del romanticismo, fino ad arrivare a toccare le propaggini più estreme di un radicalismo antimoderno, antisemita, pieno di richiami ad una naturalità primigenia.

Si tratta di un lungo contributo comparso nei giorni scorsi sul sito della germanica TAZ e siglato da Christian Jakob. Molto di più di uno dei tanti commenti che si leggono su questo tema sulla stampa internazionale. Jakob, con il conforto di una grande quantità di riferimenti storici e culturali, affronta di petto il tema delle radici storiche che, in particolare nell’area di madrelingua tedesca, hanno portato, negli ultimi secoli, alla nascita e allo sviluppo di un forte sentimento che si richiama ad un ipotetico ritorno alla natura e che, in gran parte, esprime una totale sfiducia verso i progressi delle scienze. È un percorso che si snoda attraverso gli influssi del romanticismo, fino ad arrivare a toccare le propaggini più estreme di un radicalismo antimoderno, antisemita, pieno di richiami ad una naturalità primigenia.

Un’occasione preziosa per cercare di andare oltre la polemica superficiale

Una lettura illuminante, a parere di chi scrive, anche per afferrare i contorni di un fenomeno che tocca, di certo non marginalmente, la realtà in cui viviamo e che, da sempre esistente, è venuto alla luce in maniera conflittuale e clamorosa durante gli sviluppi di questa pandemia.
Un’occasione preziosa per cercare di andare oltre la polemica superficiale, a volte sguaiata, la categoria degli insulti e le cacce alle streghe sui social media e fare i conti con un mondo che, ci piaccia o meno, appartiene alla realtà in cui viviamo.

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Giornalismi
w
Avvenne domani

Tra Ordine e disordine

Travasando
w
Avvenne domani

Il travaso

Il Popolo Trentino
w
Avvenne domani

Flaminio e L’Adige

Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Massimo Mollica
Massimo Mollica 25.12.2021, 16:22

Bello,come sempre, lo spunto di Maurizio. Anche se onestamente non concordo poi molto. Per me il Romanticismo è un' altra cosa, è l' infinitamente piccolo nell' infinitamente grande. È la passione nella quale si trovano l' essenza stessa delle cose.
Oggi invece definirei il movimento novax una sorta di neo nichilismo, la negazione di tutto in nome della libertà. Che di fatto pone l' uomo (inteso come essere umano) a superuomo, a dio. (Scritto volutamente piccolo). Questa è la mia semplice opinione.

Advertisement
Advertisement
Advertisement