Christian Tommasini
Suedtirolfoto.com/Othmar Seehauser
Advertisement
Advertisement
Reazioni

“Solo polemiche estive”

L’assessore Pd Christian Tommasini sulla questione degli asili tedeschi: “La giunta non ha mai discusso di togliere la libertà di scelta”. Anche i Verdi intervengono.
Advertisement
Advertisement

Liebe/r Leser/in,

wieviel ist Ihnen unabhängiger Journalismus wert?

Dieser Artikel befindet sich im Salto-Archiv und ist nur für Abonnenten und Spender zugänglich.
Unterstützen Sie salto.bz und erhalten Sie Zugang auf über 5 Jahre kritischen Journalismus!
Sie besitzen noch kein salto.bz-Abo?

Mit (ab) einem Mini-Abo von 12 Euro für ein Jahr erhalten Sie Zugang zu allen Artikeln auf salto.bz. Wählen Sie jetzt Ihr Abo!

Selbstverständlich freuen wir uns auch über jede weitere finanzielle Unterstützung. Ihre Spendenbereitschaft hilft uns, auch weiterhin unabhängig bleiben zu können und die laufenden Kosten und notwendigen Investitionen zu tragen.

Jetzt ein Abo abschließen!

Sollten Sie bereits ein Abo auf salto.bz abgeschlossen haben, aber über keinen Zugang verfügen, melden Sie sich bitte einfach unter info@salto.bz

Redaktionelle Artikel, die auf salto.bz erschienen und vor 6 Monaten online gegangen sind, sind seit 1.1.2019 kostenpflichtig. Vielen Dank für Ihr Interesse und Ihre Unterstützung!

Sind Sie bereits salto.bz-Abonnent? Melden Sie sich bitte unter info@salto.bz

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

senatore-francesco-palermo-3.jpg
radionbc
Minderheitenschutz

Totengräber der Autonomie?

kindergarten.jpg
upi
Kindergarten

Das Fünf-Punkte-Paket

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers tebarmat tebarmat
tebarmat tebarmat 27.07.2017, 08:00

L'ennesima assurdità tutta sudtirolese, italiana o tedesca che sia.
Giusto mantenere la libertà di scelta, ma....
I bambini, devono arrivare a scuola, scuola dell'infanzia, primaria, secondaria o superiore che sia, con un bagaglio linguistico culturale minimo per affrontare i programmi prescritti, nelle due lingue di insegnamento. Solo così possiamo salvare la nostra società dal degrado che avanza giorno per giorno. Non può essere la scuola o la provincia a farsi carico totale della formazione dell'individuo, questi due enti concorrono all'educazione e alla formazione dei bambini, ma la famiglia non deve mancare. Non possiamo costringere gli insegnanti a lavorare con bambini e genitori che non parlano la lingua d'insegnamento....e questo purtroppo è già realtà, a discapito di classi, rioni, quartieri e città intere. L'idea del "vecchio" presidente della provincia non era poi così sciocca....prima impari un minimo la lingua e la cultura e poi vieni inserito a scuola....a costo di rimanere indietro un anno. Ma per molti questa linea fortemente pragmatica è già razzismo.

Bild des Benutzers Faber Simplicius
Faber Simplicius 27.07.2017, 08:33

mi piace Tommasini, sempre pieno di certezze granitiche, come quella del tacchino che a pochi giorni dalla festa del Ringraziamento è convinto che tutti siano vegetariani......
p.s.: però, se effettivamente i tedeschi bloccherano l'accesso agli italiani allora si risolverà per via indiretta il problema della desertificazione degli asili italiani....furbone di assessore!

Bild des Benutzers Paolo Carbone
Paolo Carbone 27.07.2017, 08:34

Scusate, ma vista da fuori la questione mi fa sorgere una domanda, forse per voi molto banale, ma che a me sfugge. Perché nelle città i genitori di madrelingua tedesca non iscrivono i bambini all’asilo tedesco? Perché se li tengono a casa perché le mamme non lavorano oppure perché non vogliono metterli in asili dove ci sono bambini di altri gruppi etnici?

Bild des Benutzers Elisabeth Anna
Elisabeth Anna 27.07.2017, 13:18

Credo che siano molto meno bimbi tedeschi nelle città.

Bild des Benutzers Paolo Carbone
Paolo Carbone 28.07.2017, 10:15

Sì ma allora in proporzione vuol dire che ci sono troppo pochi asili italiani....comunque osservando (seppure un mesetto all'anno, quindi non è indicativo) la realtà altoatesina, a me sembra che le mamme germanofone tendano a tenersi i pargoli a casa. Forse ci sono più casalinghe.....

Bild des Benutzers Sergio Sette
Sergio Sette 27.07.2017, 15:39

Vista da fuori la questione più che domande dovrebbe far sorgere ilarità o sgomento, a seconda dei soggetti. E forse domandarsi: ma perchè asili/scuole separate ? Oppure: ma perchè gli italiani iscrivono i bambini all'asilo tedesco e non succede l'incontrario ?

Bild des Benutzers Elisabeth Anna
Elisabeth Anna 27.07.2017, 17:06

Ho risposto sopra per sbaglio

Bild des Benutzers Elisabeth Anna
Elisabeth Anna 27.07.2017, 17:05

Risposta difficile:
- la lingua tedesca - lingua assai complessa, meglio iniziare prima
- l'asilo tedesco - magari più moderno e creativo (dicono diverse mamme)
- la forza economica e un futuro studio universitario si vede più nel mondo tedesco( Austria, Germania, svizzera)
Credo che la scelta è molto pragmatica, e non ha niente da fare con la politica sudtirolese piccola piccola.

Advertisement
Advertisement
Advertisement