Advertisement
Advertisement
Ucraina

Sarete tutti coinvolti....

Il conflitto non é tra la Russia e l'Ucraina, ma tra la Russia e la Nato.
Community-Beitrag von Josef Pedevilla07.03.2022
Bild des Benutzers Josef Pedevilla
Advertisement

Vorrei condividere la mia opinione sulla situazione assurda del conflitto in Ucraina, perchè non condivido la linea pseudo-pacifista che si sta affermando in Europa e nel mondo.

Premesse:

- la guerra in Ucraina non é una guerra Russia contro Ucraina ma Russia contro la NATO (dove gli Stati Uniti sono gli “azionisti di maggioranza”). O più precisamente Putin e la sua cerchia scellerata contro la Nato.
- Putin é un dittatore, megalomane, prigioniero di un‘ideologia di altri tempi, che la maggioranza dei russi non sosterebbe più, se in Russia ci fosse libertà di stampa.
- La superiorità militare della Russia rispetto all’Ucraina è incommensurabile. È una totale idiozia pensare che l’esercito e i civili armati ucraini siano in grado di fermare l’armata russa. Zelensky è semplicemente riuscito a far fallire il piano A di Putin, che era quello di riuscire a farlo dimettere semplicemente con la minaccia di invasione e con in primi raid. Però il piano B è già pronto da tempo e prevede l’occupazione di gran parte dell’Ucraina. Non dovrebbe essere difficile da capire che il piano A è compreso nel piano B, cioè portare 150.000 soldati ai confini dell’Ucraina era necessario in tutti e due i piani. È ovvio che potersi fermare al piano A sarebbe stato molto più conveniente per Putin. Però non è andata cosí.

Quindi:

- Non ha nessun senso mantenere il conflitto in Ucraina. Il conflitto deve essere spostato a livello mondiale, ma mantenuto esclusivamente nell’ambito economico, finanziario e politico e dimostrare a Putin e a tutte le vecchie scorie della politica (Biden compreso), ferme alla guerra fredda, che il mondo è cambiato, grazie alla globalizzazione. Questo vuol dire continuare con le sanzioni economiche, rendendole possibilmente ancora più dure nei confronti del ceto medio-alto russo. Questo renderà la vita sempre più difficile a Putin.

- Intanto gli americani, che sono così bravi a farsi gli affari degli altri, pensino a prelevare Zelensky e a metterlo in sicurezza e convincano l’esercito ucraino ad arrendersi.

- Tra qualche mese quando Putin si accorgerà che tenere buoni contemporaneamente il popolo ucraino, che adesso lo odia, e il popolo russo, che nel frattempo sentirà sempre più gli effetti delle sanzioni, è troppo dispendioso in termini di risorse economiche e consenso. A questo punto lo scenario sarà cambiato completamente e potranno iniziare dei negoziati seri, ma non tra Russia e Ucraina ma tra Europa, Stati Uniti, Russia e Cina.

- Intanto saranno state salvate migliaia di vite umane

Se questo non succederà (cosa molto probabile) andremo incontro ad un massacro di dimensioni impressionanti e tutti quelli che hanno contribuito ad incitare i poveri ucraini a resistere contro Putin dovranno assumersi le proprie responsabilità.

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Meister Haus
Meister Haus 10.03.2022, 22:18

Der Blick ist ein bisschen zu sehr verkürzt auf das aktuelle Geschehen und lässt die historische Entwicklung (zumindest seit dem Mauerfall) außer Acht. Aber es stimmt: es ist ein Krieg zwischen USA und Russland auf europäischem Boden. Der Vasallenstatus Europas (insbesondere Deutschlands) wird uns vor Augen geführt. Immerhin sind hier fast 60.000 US-Soldaten stationiert.

Bild des Benutzers Josef Pedevilla
Josef Pedevilla 16.03.2022, 20:42

Ja, selbstverständlich ist die Ausführung stark verkürzt, aber ausgehend von meinem kurzen Beitrag auf einen verkürzten Blick zu schließen, ist auch nicht gerade eine ausführliche Analyse. Jedenfalls danke, dass Sie meinen Beitrag gelesen haben.

Bild des Benutzers Meister Haus
Meister Haus 10.03.2022, 22:18

Der Blick ist ein bisschen zu sehr verkürzt auf das aktuelle Geschehen und lässt die historische Entwicklung (zumindest seit dem Mauerfall) außer Acht. Aber es stimmt: es ist ein Krieg zwischen USA und Russland auf europäischem Boden. Der Vasallenstatus Europas (insbesondere Deutschlands) wird uns vor Augen geführt. Immerhin sind hier fast 60.000 US-Soldaten stationiert.

Advertisement
Advertisement
Advertisement