Cambiamento climatico
upi
Advertisement
Advertisement
Europa 2019

Che clima farà in Europa?

"Clima Europa" ha analizzato i programmi presentati dai partiti in vista del 26 maggio. Bocciati Lega, Fratelli d'Italia, M5S e Forza Italia. I migliori? Europa Verde.
Advertisement
Advertisement

Alla vigilia del voto per le elezioni europee di domenica 26 maggio, anche in Italia si è tenuto oggi (24 maggio, ndr) il secondo Global Strike for Future, nato dai movimenti Fridays For Future, intorno alla figura (e alle proteste) della giovanissima Greta Thunberg.

Clima Europa - un Manifesto che vede tra i firmatati professori universitari, giornalisti, ma anche politici di più aree e schieramenti - ha analizzato il programma elettorale delle forze che il prossimo 26 maggio si contendono i seggi al Parlamento europeo, e il risultato (per il nostro Paese) è imbarazzante: gli impegni e le proposte delle due forze al governo, Lega e M5S, sono giudicate "gravemente insufficienti" e "insufficienti". Stessi giudizi toccano gli altri partiti afferenti alla destra, e quindi Fratelli d'Italia (gravemente insufficienti) e Forza Italia (insufficiente). Poco meglio fa il Partito Democratico, il cui impegno è giudicato sufficiente. Rispettivamente buono, molto buono e ottimo il programma de La Sinistra, di +Europa e di Europa Verde, considerato il migliore.  

 

Grafico

 

Clima Europa - un Manifesto che vede tra i firmatati professori universitari, giornalisti, ma anche politici di più aree e schieramenti - ha analizzato il programma elettorale delle forze che il prossimo 26 maggio si contendono i seggi al Parlamento europeo, e il risultato (per il nostro Paese) è imbarazzante

Nel dettaglio dell'analisi di Elisa Giannelli, del Team Clima Europa, si spiega che per quanto riguarda il Partito Popolare europeo, di cui fa parte Forza Italia, "il clima non rientra tra le priorità di questo gruppo parlamentare". Nel programma del partito di Berlusconi, così, il clima "è all’ultimo punto nonostante si affermi che'i cambiamenti climatici devono essere al centro dell'agenda politica europea, ed è assente qualsiasi impegno specifico o politica da intraprendere".

Il Partito Democratico sta nel secondo gruppo per numero di parlamentati europei, S&D, il cui "programma insiste sulla qualità dell’aria e dell’acqua, su una transizione energetica che non escluda nessuno, compreso aprire un nuovo fondo per la 'Transizione giusta' e tassare la CO2 in modo socialmente sostenibile, e sul bisogno di aumentare l’ambizione climatica per raggiungere la neutralità delle emissioni di CO2 entro il 2050. Un programma considerato sufficiente, poco ambizioso, a differenza di quello dei partiti della sinistra, e di +Europa.

Questi ultimi, ad esempio, parlando di un impegno per uscire dal carbone (inteso come combustibile che alimenta le centrali termoelettriche, ndr) entro il 2030, ma prevedono anche "l’eliminazione progressiva dei sussidi e dei finanziamenti dannosi all’ambiente, l’introduzione di un prezzo minimo europeo delle emissioni di CO2 anche per i settori non coperti dall’ETS (come il residenziale e i trasporti)". 
Per quanto riguarda la Sinistra, essa fa parte del Gruppo confederale della Sinistra unitaria europea/Sinistra verde nordica. Ad aprile è stato pubblicato un manifesto per l’emergenza climatica: richiede "di riconoscere le basi legali del concetto di giustizia climatica, porre fine al consumo di carburanti fossili, contrastare il modello capitalista e promuovere un’azione per il clima diretta da governi e investimenti". Nel programma della sinistra vi è un punto dedicato al “Green New Deal per la natura, il clima, la transizione ecologica dell’economia”. 

I Verdi appoggiano in modo esplicito l'esigenza di un Green New Deal: il programma "punta sull’aumento degli obiettivi di riduzione delle emissioni di almeno il 55% entro il 2030 e successivamente il raggiungimento di zero emissioni, sul fissare un prezzo minimo della CO2  nel sistema ETS, sull’eliminazione graduale del carbone entro il 2030, sul raggiungimento di 100% di rinnovabili e sulla lotta contro la povertà energetica". 

E il M5S? Non c'è nessuno riferimento chiaro ed esplicito al tema dei cambiamenti climatici nel programma. C'è invece "il riferimento a inquinare meno – tramite l’abbandono graduale delle fonti fossili, investimenti in inceneritori e discariche, e un’Europa libera dalla plastica – e vietare l’uso di pesticidi nocivi per la salute e l’ambiente" sottolinea Giannelli. "Ma mancano totalmente obiettivi temporali e strumenti su come raggiungere gli obiettivi politici" conclude.

La Lega, allora? Né il gruppo europeo ENF (Europa delle nazioni e della libertà) né la Lega hanno presentato un programma elettorale. Ma: "dal 2014 al 2018 la Lega ha votato per oltre il 90% contro provvedimenti a favore del clima e della transizione energetica"; in particolare, "nel 2016 la Lega, incluso l’allora Eurodeputato Matteo Salvini, ha votato contro la ratifica dell’Accordo di Parigi allineandosi dunque alla stessa posizione del Presidente americano Trump". L'Europa boccia Salvini.

 
Advertisement

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers Maria Teresa Fortini
Maria Teresa Fortini 25.05.2019, 18:01

Gentile Salto, con tutto il rispetto per le simpatie politiche del giornalista che ha scritto il pezzo e quelle della Redazione, mi parrebbe corretto citare chi sono i firmatari di Climaeuropa.eu: sono esponenti di Verdi italiani come Frassoni, Grandi e Bonelli, sono esponenti di +Europa come Pizzarotti e altri ex Radicali, ci sono esponenti del PD come Zingaretti, Favero e Martina e vecchia nomenclatura di quella area politica. Guarda caso la sufficienza l'hanno presa solo i loro partiti. Se l'articolo deve servire a consigliare per il voto, come appare, almeno fornite il link ai firmatari, come corretta informazione di parte. https://climaeuropa.eu/firmatari Buon voto!

Bild des Benutzers Diego Nicolini
Diego Nicolini 25.05.2019, 23:13

Trovo l’analisi che la signora Giannelli fa del programma del Movimento 5 Stelle alquanto pressappochista. Mi chiedo se lo ha letto, il programma, perché di obiettivi temporali ce ne sono.
Ma al di là dei programmi contano i fatti. Basti pensare a tutto il lavoro che fa il M5S in materia ambientale, basti pensare all’impegno del Ministero di Costa, che ha introdotto e avviato al modello dell’economia circolare.
La signora Giannelli forse non ricorda che il PD il 24.10.2017 in Parlamento europeo ha votato contro l'emendamento che voleva vietare il glifosato, oltre che essere già impiegati contro le politiche nazionali per l’introduzione dell'ecobonus e del pedaggio ambientale.
A meno di due giorni dalle elezioni trovo l'uscita propagandistica di questo giornale online molto scorretta, anche perché vuol dare una parvenza di scientificità ad una blanda opinione di parte, basata su fatti sbagliati. Rimando anche io ai nomi che si nascondono dietro il “Clima Europa” a cui qui ci si riferisce: https://climaeuropa.eu/firmatari
Interessanti, no?
Aggiungo che il nostro MoVimento è stato e sarà sempre al fianco dei cittadini di Malles e del loro sindaco, impegnati contro i pesticidi e contro il glifosato e a sostegno dell’agricoltura biologica. Abbiamo molti e rispettati ambientalisti fra le nostre fila che non esitano mai a difendere ambiente (fino all’ultimo albero :) e salute dei cittadini. Abbiamo sempre dimostrato grande attenzione anche per il problema delle emissioni e sempre lavorato per e sostenuto modalità sostenibili, in ogni campo.
Il contenuto di questo articolo lo rigettiamo assolutamente, tra l'altro
per quanto rigurda la scorsa legislatura, Climate Action Network lo considera il partito italiano più attivo per le politiche verdi in Parlamento europeo.
Andremo avanti comunque come fatto fino ad ora, impegnandoci per difendere salute e ambiente. L’ambiente è una delle nostre cinque stelle; fin dall’inizio quindi una delle stelle del nostro agire.

Bild des Benutzers elisabeth garber
elisabeth garber 26.05.2019, 09:50

Non credo che l' articolo sia o voglia essere un consiglio per il voto di oggi. Chi ancora non dovesse sapere per quale partito votare... fara' purtroppo quello che la maggior parte dei politici (bugiardi ed imbroglioni - cito volentieri la GT) vorrebbero: una massa di creduloni ed un sacco di voti perche' (con priorita' assoluta) possano rassicurare e/o cementare il loro potere 'personale'.
Buon voto!

Advertisement
Advertisement
Advertisement