Advertisement
Advertisement
Senza lavoro

Il mistero degli 80.000 “inattivi”

In Provincia di Bolzano i disoccupati sono circa 10.000, ma quelli che, tra i 15 e i 64 anni, non lavorano e non cercano sono otto volte tanto.
Von
Bild des Benutzers Christine Helfer
Christine Helfer07.02.2014
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Der Lockdown ist vorüber. Die Krise ist es nicht. Mit einem salto-Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Stefano Lombardo
Stefano Lombardo 07.02.2014, 16:21
Il campione della provincia di Bolzano è di circa 10.000 interviste annue e pertanto si possono fare moltissime disaggregazioni.
Bild des Benutzers unibzone .
unibzone . 07.02.2014, 20:02
Il dato che ho pubblicato è dell'Istat che non inserisce la disaggregazione per provincia, ma solo per regione.
Bild des Benutzers unibzone .
unibzone . 07.02.2014, 20:07
Purtroppo il dato Istat non è linkabile, occorre andare sul sito dell'Istat, selezionare I.Stat e selezionare lavoro e inattivi.
Bild des Benutzers Stefano Lombardo
Stefano Lombardo 08.02.2014, 14:13
I dati che Lei trova sui siti non sono gli unici diffondibili. Se Lei viene presso ASTAT o chiede, Le possiamo far vedere che il questionario ha le informazioni che Le servono: titolo di studio, condizione (studente, casalinga...) e, come gia' Le ho mostrato in tabella, eventuale condizione di "scoraggiamento". Il tutto ad un livello molto basso di errore di campionamento essendo le forze lavoro la campionaria con la numerosita' piu elevata tra tutte quelle che facciamo in ASTAT / ISTAT. Cordiali saluti e buona domenica. Stefano Lombardo (metodologo presso ASTAT e responsabile dal 2001 al 2011 dell indagine forze lavoro presso ufficio regionale ISTAT)
Bild des Benutzers Stefano Lombardo
Stefano Lombardo 07.02.2014, 16:40
Regione Tasso di mancata partecipazione al lavoro (nota sotto) Campania 36,9 Sicilia 35,2 Calabria 34,5 Puglia 30,1 Basilicata 27,7 Sardegna 25,5 Molise 23,5 Lazio 16,2 Abruzzo 15,8 Marche 12,5 Umbria 12,5 Piemonte 11,4 Toscana 11,4 Liguria 11,2 Lombardia 10,1 Friuli-V. Giulia 9,6 Veneto 9 Emilia-Romagna 8,9 Valle d'Aosta 8,8 Trento 8,3 Bolzano 4,8 Percentuali di disoccupati di 15-74 anni + scoraggiati (inattivi che non cercano lavoro nelle 4 settimane ma disponibili a lavorare) sul totale delle forze di lavoro 15-74 anni + scoraggiati 15-74 anni.
Bild des Benutzers Franca Santarossa
Franca Santarossa 07.02.2014, 17:06
La rilevazione del numero di disoccupati e quindi della relativa percentuale fatta con questi criteri bisogna proprio dirlo... lasciano il tempo che trova. 1) Prima dei 16 anni non si può lavorare, perlomeno la legge non lo prevede: ma che senso ha includere questi soggetti? 2) Non vengono incluse tutte le persone delle diverse categorie: e gli imprenditori, gli artigiani, ecc.. che hanno dovuto chiudere e sono senza lavoro?? 3) I parametri li deve fornire chi diffonde i dati: per quale motivo enti o soggetti preposti non si preoccupano di comunicare correttamente la notizia? Notizie date senza appropriata spiegazione sono da considerarsi scorrette ma soprattutto falsano completamente tutte le analisi e contribuiscono alla sottovalutazione (come nel nostro caso). A noi cittadini viene data una fotografia "sfuocata e sbiadita".
Bild des Benutzers Martin Senoner
Martin Senoner 07.02.2014, 20:10
Io propongo da tempo di introdurre il tasso di occupazione, Una parte della donne si dedicherà alla famiglia (alcune per volere, altri perché avendo figli piccoli non trovano un lavoro part time, Pochi non lavorano perché vivono di rendita.
Advertisement
Advertisement
Advertisement