Scuola
upi
Advertisement
Advertisement
Scuola

“CLIL in compresenza? Uno spreco”

Per essere efficace l’insegnamento veicolare del tedesco andrebbe fatto da docenti di disciplina preparati linguisticamente. Le proposte di Franca Quartapelle
Di
Ritratto di Fabio Gobbato
Fabio Gobbato06.09.2021
Advertisement

Support Salto!

Ogni abbonamento è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Advertisement
Ritratto di pérvasion
pérvasion 6 Settembre, 2021 - 12:06

»Attualmente l’interesse per l’apprendimento della seconda lingua sembra esserci solo nella scuola di lingua italiana. Il fatto che le competenze in italiano dei ragazzi di madrelingua tedesca siano in nettissimo peggioramento (si veda studio Kolipsi dell'Eurac che fu "sepolto" dalle intendenze scolastiche, ndr) sembra non interessare nessuno. Per cui un passo del genere non verrà mai fatto.«

Da che cosa deduce tutto questo, signor Gobbato? A me risulta che i genitori, le consulte, l'assessorato di lingua tedesca si occupino molto dell'apprendimento della seconda lingua. Anzi, la mia impressione è che ci si preoccupi molto di questo e pochino di altre tematiche (fatto salvo, ovviamente, il tema del Covid).

Ritratto di Enrico Hell
Enrico Hell 7 Settembre, 2021 - 05:44

Secondo me la copresenza non ha nulla a che fare con il CLIL, anzi lo contraddice.
Se usiamo al posto di "CLIL" il termine metafora "Immersione Linguistica" ( i due termini sono equivalenti dal punto di vista dell'approccio didattico), tutto diventa piu' chiaro: in quale ambiente linguistico si puo' mai immergere uno studente per apprendere i contenuti (e insieme ad essi la lingua ) se l'insegnante della materia conosce poco la lingua, tanto da dover essere affiancato da un insegnante di lingua e non di materia?
Non si tratta più di bagno linguistico.
Se poi la copresenza è intesa come ripetizione in lingua nota dei contenuti esposti nella lingua di immersione, allora il disastro è completo. Qui entra in campo la traduzione da una lingua a un'altra, lo strumento principe dell'insegnamento tradizionale delle lingue come materie (non come veicolo di contenuti).
Il CLIL dunque difficilmente può continuare ad essere chiamato CLIL se di mezzo ci sta la copresenza.

Advertisement
Advertisement
Advertisement