Alimarket
Salto.bz
Advertisement
Advertisement
senza dimora

Eccola, la nostra accoglienza

La politica del pacco postale e altre insostenibili retoriche per giustificare sgomberi e mala accoglienza. Come funziona davvero la bassa soglia a Bolzano (Parte 3).
Von
Bild des Benutzers Elisa Brunelli
Elisa Brunelli04.01.2022
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Unterstütze unabhängigen und kritischen Journalismus und hilf mit, salto.bz langfristig zu sichern! Jetzt ein salto.abo holen.

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Massimo Mollica
Massimo Mollica 04.01.2022, 17:55

Anche questa volta un importante e prezioso contributo. Onestamente però io ci intravvedo una contraddizione in termini. Il modello di accoglienza integrata diffusa del SAI dimostra non solo come sia possibile ma auspicabile gestire e aiutare concretamente gli esseri umani in difficoltà nelle piccole realtà di periferia. Anzi i numeri aiutano in questo senso. Se tutti i comuni attuassero tale comportamento si salverebbero tante vite. Quello che fu fatto in passato con la comunità albanese ha portato i suoi frutti. (quelli erano altri tempi). Poi ho il sospetto che il numero ufficiale di richiedenti asilo e rifugiati non corrisponda alla realtà nuda e cruda. Credo che vi siano numeri ben più importanti di tanti invisibili.
Ribadisco, e lo farò fino a quando avrò fiato per respirare che non si può pensare di compartizzare la gestione dei bisognosi per comune. Così come esiste una sorta di cogestione tra provincia e comuni per noi fortunati, altrettanto deve esserci una cabina di regia a livello provinciale tra tutte le realtà. E dev'essere istituzionalizzata. Deve diventare parte integrante della Comunità. Non può essere vista come una cosa estranea.

Due ultimi brevi appunti:
1) non mi interessa delle beghe politiche locali emerse in un'altro articolo, ma possibile che si debba usare Facebook per chiedere chiarimenti invece che confrontarsi direttamente e mettere in chiaro tutto? Possibile che si debba usare di fatto un bar online (perché Facebook di fatto è un bar 2.0)? possibile anche che il comune non metta in chiaro tutto, nel modo più trasparente possibile? una serie di pagien web con dati ufficiali e fatti?
2) sue 3 articoli qui su SALTO in merito a questo problema vi saranno stati meno di 10 commenti su più di 530.000 cittadini. Zero da parte di alcun rappresentate politico.

Advertisement
Advertisement
Advertisement