Advertisement
VERSO LE ELEZIONI

"Alleati con Biancofiore. Ora vinciamo"

Maurizio Fugatti, segretario della Lega nord in Trentino, nega le rivalità e crede nella vittoria del centrodestra. "Maturi, decide Bolzano. Due seggi nel proporzionale".
Advertisement

Un seggio per ciascuno – a Lega nord e Forza Italia – nel proporzionale in regione, dentro la cornice vasta di un risultato positivo per il centrodestra (unito) in Trentino Alto Adige e della vittoria a livello nazionale. Maurizio Fugatti, segretario del Carroccio trentino, in procinto di candidarsi per il Parlamento, crede nel successo della coalizione a tre guidata (non senza tensioni) da Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Per il consigliere provinciale, dato anche come possibile aspirante nel collegio per l’uninominale della Camera in Valsugana, potrebbe profilarsi una sfida con Micaela Biancofiore nel caso di un inserimento nel listino regionale per il proporzionale. Ma l’interessato smorza i toni. “Nessuna rivalità” dice in un’analisi più ampia che tocca anche Roberto Maroni, venuto ai ferri corti con Salvini. “Se ha fatto una scelta di vita, va rispettata”.

Salto.bz: La Lega guidata da Salvini si sta preparando per essere competitiva nelle urne delle politiche del 4 marzo. In Alto Adige il giovane Filippo Maturi, consigliere comunale a Bolzano, veleggia verso il collegio Bolzano/Bassa Atesina per la Camera dei deputati. Un nome valido a suo avviso?

Maurizio Fugatti: Non sono più segretario regionale da diversi mesi e quindi non entro nella sfera che compete al collega Massimo Bessone. Con lui mi trovo bene. Non si occupa di Trentino e io non mi occupo di Alto Adige. Detto questo, quello che sceglie la Lega di Bolzano alla Lega di Trento va bene.

img-20180112-wa0012.jpg

Maurizio Fugatti, a destra, con il segretario della Lega Matteo Salvini. "Aspettiamo dal livello nazionale la ripartizione dei seggi per la coalizione sull'uninominale" dice il coordinatore trentino.

Anche se le segreterie sono provinciali, l’interdipendenza esiste così come la necessità di un incastro regionale sui collegi uninominali e per il listino proporzionale. Nei posti in palio attraverso quest’ultimo metodo per la Camera i seggi assegnati al Trentino Alto Adige sono cinque e la competizione interna al centrodestra è inevitabile. Ci sarà una sfida tra lei e Biancofiore, come ha scritto il Corriere dell’Alto Adige?

Non si rivaleggia. La legge elettorale fatta su misura per l’Svp fa in modo che 2-3 parlamentari vadano all’alleanza Volkspartei-Pd e al centrodestra uno. Può essere della Lega oppure anche di Forza Italia. Quindi, non è rivalità, piuttosto siamo sottomessi alla legge elettorale. Con Biancofiore siamo alleati e lei fa giustamente la sua partita. E c’è anche Alessandro Urzì di Fratelli d’Italia.

La coalizione può puntare a ottenere due seggi nel proporzionale?

Sicuramente se il centrodestra lavora bene, sceglie le persone giuste e attua una valida campagna elettorale, le possibilità ci sono. L’Svp avrà i suoi voti, il Pd invece è dato in calo. Il terzo seggio al centrosinistra quindi è da vedere. Ci sono poi i 5 stelle che fanno un seggio sicuro, per due servirà loro un exploit.

Se non si esprime sull’ambito regionale, almeno su quello trentino. Quando farete il prossimo incontro con gli alleati?

Stiamo aspettando che il livello nazionale ci dica quali sono i seggi da ripartire per l’uninominale tra Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia e conseguentemente ci si troverà per un accordo sui nomi.

La Lega nord chiede da tempo la Valsugana, dove tradizionalmente il centrodestra ottiene buoni risultati e nel quale lei è dato per candidato. Richiesta sempre sul tavolo?

La Lega chiede quel collegio, poi bisogna vedere se ne avremo due o tre.

Finora nel totonomi sono sfilati in molti. Giacomo Bezzi, Claudio Cia, Manuela Bottamedi, Mario Malossini e anche Franco Frattini, sollecitato da Biancofiore, per Forza Italia. Andrea De Bertoldi per la formazione di Giorgia Meloni. Per la Lega oltre a lei Bruna Giuliani, Gilia Zanotelli, consigliera comunale a Cles, Martina Loss, Stefania Segnana di Borgo. Il senatore uscente Sergio Divina, con il quale lei non è in buoni rapporti, ci sarà?

È un’ipotesi, deciderà il partito. Ma i rapporti con Divina sono ottimi.

Le tensioni nel Carroccio non mancano neanche a livello nazionale. Roberto Maroni, che ha scelto di non ricandidarsi alla Regione Lombardia per tornare in Parlamento, prima ha accusato Salvini (“Mi ha trattato con metodi stalinisti”) e poi ha parlato solo di “uno sfogo personale, non politico”. Come giudica l'ex ministro e governatore della Lombardia, un pezzo di storia del partito e uno dei “colonnelli” leghisti nell’epoca di Bossi?

Quelle relative a Maroni credo siano montature giornalistiche. Se lui ha fatto una scelta di vita, non ricandidandosi, questa va rispettata. Senza polemiche.

Il centrodestra, favorito negli ultimi sondaggi, può vincere le politiche?

È possibile in termini di percentuali di voti, vedremo se riusciremo a portare a casa la maggioranza dei parlamentari. Sentiamo la buona aria per la Lega, in Trentino come nel resto del territorio. Qui il centrodestra può vincere qualche collegio.

Vi preoccupa la prospettiva delle larghe intese Pd-Forza Italia dopo il voto?

Noi non la vediamo, sarebbe una presa in giro dei cittadini. Credo che la cosa si sgonfierà dopo la consultazione.

E l’ipotesi di un’alleanza Lega-5 stelle, mai del tutto accantonata da Salvini e Di Maio?

Mi pare sia una fantasia. I 5 stelle hanno dimostrato di avere troppe diversità programmatiche rispetto a noi e di non essere credibili. Dove governano fanno solo danni. Io dico che ci sarà una vittoria del centrodestra: quindi lavoriamo per avere numeri importanti.

Advertisement

Verknüpfte Artikel

Bitte melden Sie sich an, um Kommentare zu verfassen.

Kommentare

Bild des Benutzers Martin B.

Dai dai, die wollen die Narrenzeit wohl bis nach Anfang März gehen lassen. Weissblume liefert sicher genüg Büttenredenmaterial für launige Narren und Närrinnen.

+1-11
Bild des Benutzers Mensch Ärgerdichnicht

Ad ogni elezione sempre lo stesso identico copione. Tutti amici uniti nella fratellanza agguanta-poltrone fino alle 10:30 del Lunedì post elezioni, poi ricominciano i soliti litigi. Possibile che una perdente seriale come la Biancofiore possa ancora ricoprire un ruolo così centrale? Ma non vi viene da ridere?

+1-11
Bild des Benutzers rotaderga

grandissimi " quaquaraqua"

Bild des Benutzers Pamela Tacco

Molto ridere, aahahahah a maggiori ragione non li voto, piuttosto voto sudtirol freiheit!!!

Advertisement