Advertisement
Advertisement
L'intervista

La luna di miele è finita

Günther Pallaver: la vittoria del “no” ha visto prevalere le ragioni della salute su quelle dell'economia ed ha una chiara rilevanza politica.
Von
Bild des Benutzers Gabriele Di Luca
Gabriele Di Luca13.06.2016
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Die Krise hält an. Mit einem Abo unterstützen Sie unabhängigen und kritischen Journalismus und helfen mit, salto.bz langfristig zu sichern!

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Massimo Mollica
Massimo Mollica 14.06.2016, 10:56
Sono totalmente in disaccordo! Non si può fare di tutta l'erba un fascio! Se davvero le ragioni ambientaliste prevalessero sempre noi tutti non prenderemmo l'auto per spostarci e chiuderemmo la vera fonte d'inquinamento che è l' A22! Qui c'è stata una semplice valutazione e l'aspetto economico non era così lampante e tale giustificare un aumento d'inquinamento. PUNTO! Discorso a parte quello sui partiti, dove si può dire che non c'è stata discussione all'interno. Ma questo in tutti anche in quelli contrari all'allungamento. Questo problema persiste da parecchio tempo! E comunque il senso del voto non è certo questo:" la popolazione ha colto l'occasione per indicare quale tipo di mondo futuro sarebbe più auspicabile e il messaggio è quello di un progresso che non sia da comprendere solo in termini di accumulo e potenziamento delle risorse" Semplicemente perché è stato espresso solo un NO e un semplice NO su un quesito specifico! Nella stessa logica con il referendum Benko allora dovremmo dire che la popolazione vuole un progresso in termini di centri commerciali e potenziamento delle risorse. E allora come la mettiamo? Cosa cavolo vuole la popolazione?
Bild des Benutzers Michela Dalla L.
Michela Dalla L. 14.06.2016, 12:12
Se la consultazione per Benko fosse stata a livello provinciale forse avrebbe vinto il NO. Non é un paragone che si puó fare insomma. Che sull'A22 ci sia troppo inquinamento é risaputo, é da tempo che si cerca una soluzione e i Verdi, cosí come i comuni limitrofi, sono anni che denunciano la cosa e si battono in proposito con mozioni che puntualmente vengono bocciate in giunta! Se li si lasciasse lavorare, magari. Si domanda cosa vuole la popolazione: se il 52% della popolazione non sa cosa vuole che facciamo? Ci fermiamo? Aspettiamo? Lasciamo che facciano i nostri governatori? A posto... Non capisco cosa la faccia tanto arrabbiare stamattina, davvero. Chi sa cosa vuole si é pronunicato, il diritto era di tutti, si vede che gli altri lasciano carta bianca a chi ancora crede nel sistema. E comunque, di persone che ogni volta che possono si muovono in bici, in treno, in autobus ce ne sono piú di quante lei crede.
Advertisement
Advertisement
Advertisement