Percorso autonomia
Lpa Ivo Corrà
Advertisement
Advertisement
Gastkommentar

Manca il pensiero “contrario” di Langer

Nei totem rossi del percorso sull'autonomia non si fa cenno ad Alexander Langer, un politico che ha dato molto a questa terra.
Von
Bild des Benutzers Roberta Dapunt
Roberta Dapunt14.09.2021
Advertisement

Mi manca Alexander Langer.

E il suo dissenso, diventato anche il mio. “La proporzionale etnica”, qui intesa come dichiarazione di appartenenza etnica, legata ad un’operazione di accertamento. Quella che Langer chiamava “gabbie etniche”. So chi tu sei, a chi tu appartieni e dunque a cosa tu hai diritto, o meno. E mi accerto di questo, tramite la tua dichiarazione.

Mi manca il suo nome, il suo pensiero contrario e unificante, in questo percorso tra le lettere dettate dal termine AUTONOMIÆ, il pensiero contrario manca.

Non mi manca invece la possibilità di dire che Alexander Langer, per potersi candidare alle elezioni si dichiarò nel 1983 ladino, chiedendo a questo gruppo linguistico “asilo etnico”. Permettetemi di ripetere queste due parole stravaganti e tuttora incomprensibili, anzi vi propongo in questa lettura di dirle voi stessi a voce alta: asilo etnico.

Alex Langer
Alex Langer, in uno dei suoi ritratti più celebri. Il percorso sull'autonomia lo ha dimenticato. Foto di Othmar Seehauser.

 

Ebbene, grazie a lui i ladini beneficiarono di 2 consiglieri ladini in giunta e quindi per la prima volta di un posto di assessore. Grazie dunque ad Alexander, di aver pensato diversamente e averci fatto sapere che le differenze fra persone non dovrebbero esistere, bensì rese simili dai comuni valori umani.

Sta scritto, sì. Alla lettera M della parola AUTONOMIÆ sta scritto:

Per ragioni storiche, in Alto Adige l‘identità è un concetto a cui si fa spesso riferimento. L’identità protegge, rafforza, ma al tempo stesso limita. Non siamo noi tutti molto più di un territorio, un gruppo linguistico, una comunità con la stessa appartenenza culturale? Per citare liberamente il filosofo Richard David Precht: “Ma tu, chi sei? Ed eventualmente, quanti sei?”

La domanda di Precht è una bella domanda, è una domanda giusta. Ma che ancora oggi si debba limitare in questo territorio propizio alla convivenza ad una risposta concorde innanzitutto nelle quantità numeriche?

Mi avvio verso l’altra parte della strada. Lì dove non potrò leggere le informazioni su Alcide Berloffa. Chi ci sta seduto sopra e sono parecchie persone, mi guarda con occhio disturbato e sento nell’aria, autonoma per sua natura la domanda di chi lì sta sostando: Ma tu chi sei, cosa cerchi, cosa vuoi?

 

Roberta Dapunt, nata in val Badia, ha pubblicato le raccolte di poesia OscuraMente (1993), La carezzata mela (1999), La terra più del paradiso (Einaudi, 2008) e Le beatitudini della malattia (Einaudi, 2013). Presso l'editore Folio (Vienna-Bolzano) è uscito un altro suo libro di poesie con traduzione tedesca a fronte dal titolo Nauz, in ladino con traduzione in tedesco a fronte (2012), ora ripubblicata anche con traduzione in italiano (Il ponte del Sale, 2017). Sempre per Einaudi, nel 2018, ha pubblicato la raccolta di poesie Sincope.

Unterstütze unabhängigen und kritischen Journalismus und hilf mit, salto.bz langfristig zu sichern! Jetzt ein salto.abo holen.

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Alcide Berloffa parco
Comune Bolzano
Alcide Berloffa parco
Comune Bolzano
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Hartmuth Staffler
Hartmuth Staffler 14.09.2021, 14:28

Ich habe Alexander Langer persönlich sehr gut gekannt. Ich habe sein Wissen und seine Eloquenz bewundert, mich aber gleichzeitig immer über seine extreme Realitätsverweigerung gewundert. Ich habe keine Ahnung, was er für Südtirol an Positivem geleistet haben könnte. Seine absurde Idee von den ethnischen Käfigen war wohl eine bewusste und in gewissem Sinne auch boshafte Verdrehung der Tatsachen, da der auf der Sprachgruppenerklärung beruhende ethnische Proporz die Menschen nicht in Käfige gesperrt hat, sondern ihnen Käfige mit weit offenen Türen eröffnet hat, in die sie sich zu ihrem Schutz zurückziehen konnten. Dieser Schutz ist vor allem den Ladinern zugute gekommen. Ich verstehe daher nicht, dass man gerade von ladinischer Seite den abseits jeder Realität philosophierenden Phantasten Alexander Langer loben kann. Als Mensch habe ich ihn sehr geschätzt, als politischen Fantasierer habe ich ihn immer bemitleidet.

Bild des Benutzers pérvasion
pérvasion 14.09.2021, 15:20

L'informazione «Roberta Dapunt è una poetessa di fama nazionale» a quale nazione si riferisce? Perché questo automatismo «nazione = Italia» riassume perfettamente le ragioni della proporzionale etnica o di altre misure simili. Le sudtirolesi di lingua ladina e tedesca non sono «uguali», e se aboliamo le tutele rischiamo che lo diventino.

Questo mi pare che negli ultimi anni, quelli della guerra in Iugoslavia, lo aveva realizzato lo stesso Langer — rivedendo in parte le sue posizioni più intransigenti.

Advertisement
Advertisement
Advertisement