kompatscher_caramaschi.jpg
(Foto: salto.bz)
Advertisement
Advertisement
Urbanistica

"Basta cementificare Bolzano"

Il sindaco replica a Deeg: "Nel capoluogo costruiti migliaia di alloggi, abbiamo già una densità troppo alta". Nel breve termine si punta sull'areale delle caserme Huber.
Von
Bild des Benutzers Fabio Gobbato
Fabio Gobbato20.05.2022
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Unterstütze unabhängigen und kritischen Journalismus und hilf mit, salto.bz langfristig zu sichern! Jetzt ein salto.abo holen.

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Waltraud Deeg.jpeg
Salto.bz
Soziales Wohnen

Südtirol ist nicht Wien

Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Gianguido Piani
Gianguido Piani 20.05.2022, 10:27

Costruzioni, viabilita', comunicazioni, lavoro, lavoro remoto, traffico, energia, verde urbano, servizi, disponibilita' di acqua ed eliminazione dei reflui, istituti scolastici, sanita' e numerosi altri aspetti sono tutti strettamente collegati e in equilibrio. Non si puo' intervenire su uno di essi senza incidere, spesso creando problemi, con gli altri.
Quello che purtroppo manca a Bolzano, e' l'idea di come la citta' sara' vissuta nel 2030, nel 2040, nel 2050... In teoria sappiamo solo che dovrebbe essere a emissioni zero. Ma se usiamo gli occhiali del 1990 chi avrebbe immaginato a pochi decenni di distanza una pandemia, la fibra ottica e il telelavoro, i B&B con il turismo mordi-e-fuggi, i SUV a prendere il posto delle Fiat Topolino? La chiusura di negozi privati a vantaggio delle catene di franchising e degli ordini online? Estrapolando l'evoluzione attuale, nel 2030 l'auto media avra' le dimensioni di un autobus e occorrera' scavare decine di metri sottoterra per permettere a tutti di arrivare in Piazza Walther. Non sia mai di porre dei limiti. Evidenza dei fatti: il 48% delle famiglie e' composta da una persona sola, la famiglia media al massimo ha un figlio, l'auto media ha pero' posto per cinque persone e spesso in famiglia di auto cosi' ne hanno due. Tre, se il figlio e' maggiorenne. Hai voglia a farle elettriche e ad alimentarle con energia solare!
Nessuno puo' prevedere esattamente il futuro, ma almeno si possono riconoscere linee di tendenza. Se la popolazione invecchia, meglio investire in abitazioni protette che in parcour.
Il Comune puo' mettere in chiaro quali scenari usa per definire i progetti urbanistici, di viabilita' ecc. dei prossimi decenni? Prevedere aumenti di traffico a fronte della necessita' di andare verso le emissioni zero e con potenziali problemi di approvvigionamento di petrolio e' come minimo contraddittorio. Cari Renzo Caramaschi e Stefano Fattor, secondo voi come vivremo nel 2030? Quali infrastrutture saranno necessarie?

Bild des Benutzers Massimo Mollica
Massimo Mollica 20.05.2022, 12:56

Su come vivremo nel 2030 non credo lo sappia nemmeno Nostradamus. C'è da fare un'analisi sociologica ma non solo, anche geopolitica a livello mondiale. E tecnologica. Detto questo non sono del tutto d'accordo con il sindaco. E' nella nauturale evoluzione di qualsiasi insediamento prevedere un piano di espansione. I centri periferici si sono espansi molto di più di Bolzano Bozen, che è sempre stata relegata a cenerentola. E che, lo ribadisco, pare sia la colpa di tutti i mali. Se ci sono persone che soffrono, se c'è gente che si droga, e pure la guerra in Ucraina è colpa di questa città. La città invecchia e dobbiamo garantire sempre un livello di economia tale che sostenga la città stessa. Il problema è che Bolzano Bozen non ha soldi e si trova praticamente violentata dalla speculazione edilizia. Quindi, oltre che alla pessima viabilità, i giovani che vogliono farsi una famiglia o sono figli di papà oppure devono ricorrere a formule ascetiche tipo cohousing o altro. Il problema è sempre l'avidità dell'essere umano, che specula sul diritto alla casa. E a esso si aggiunge la burocrazia (in questo caso incarnata nell' IPES) che è una della grande piaghe dell'intero paese.
Noi potremmo imporre di non usare l'auto, di fare la spesa sotto casa, di avere un comportamento integerrimo, ma di fatto diventeremmo una delle peggiori dittature. Quello che invece possiamo fare è riversare le tasse dal lavoro sul possesso. In pratica far pagare di più chi si arricchisce per un principio di equità. (E come in altri paesi avere una tassazione alta sull'eredità.) Altrimenti chi è ricco sarà sempre più ricco e si lavorerà sempre di meno.
Capisco che questo aspetto esula da Bolzano Bozen ma è imprescindibile. E ricordo che viviamo in una terra AUTONOMA.

Bild des Benutzers Christian I
Christian I 20.05.2022, 13:41

Partiamo prima di tutto dal presupposto che di autonomo c'é ben rimasto poco: anche se siamo "autonomi" da Roma, ci sono ben altre leggi superiori (ufficiali e non) e poteri piú grandi che comandano il nostro vivere. Poi sulle tasse sul possesso, anche qui bisognerebbe fare un ragionamento molto piú profondo. Per fare un esempio porteró la mia situazione personale. Ho comprato una vecchia casa con due appartamenti da ristrutturare a fondo, facendo un mutuo anche bello grande, e tutto questo per cercare di garantire un certo futuro ai miei figli, visti i tempi che corrono e soprattutto visti i tempi che ci aspettano... Ora la politica vuole tassare il mio sudore per garantire un futuro ai miei figli? Io non lo trovo giusto.

Bild des Benutzers Manfred Gasser
Manfred Gasser 20.05.2022, 14:17

Warum? Sie besitzen ein Haus mit zwei Wohnungen. und wenn Sie eine selbst nutzen, und die andere vermieten, werden Sie sicher nicht zur Kasse gebeten.
Sollte dieses Haus aber sanierter leerstehen, dann werden Sie zahlen, und das finde ich auch richtig.

Bild des Benutzers Gianguido Piani
Gianguido Piani 20.05.2022, 15:49

Ci sono un numero enorme di situazioni personali difficilmente affrontabili con una legge unica. Lasciare una casa sfitta puo' essere dovuto a innumerevoli motivi e non per merito o colpa del proprietario. I figli si laureano tra tre anni. Come si fa ad affittare nel frattempo, con il rischio che per dieci anni l'inquilino si piazzi li' e sfrutti tutti gli inghippi legali per non andarsene? Uno trova lavoro negli USA con un contratto di cinque anni. Affittare? Ma se applicano "hire-and-fire" si puo' ritrovare sulla strada all'improvviso, e quindi andare dove? Il locale che lavora all'estero ha diritto di mantenere una casa di riferimento in Italia? E' comunque considerata "seconda casa" con una tassazione svantaggiosa, anche se il proprietario, che magari e' imbarcato su una nave, non ha la "prima casa" da nessuna parte. Occorre stare molto attenti alle generalizzazioni.
Sarebbe invece giusto intervenire pesantemente proprio sulle case costruite per essere vendute. Quelle in possesso di un imprenditore, non di piccoli privati. Li' si' che occorrerebbe non solo tassare, ma anche bloccare la concessione di permessi fino a che i nuovi appartamenti non sono stati venduti. Condizioni ragionevoli e definibili nella legge sono un certo fatturato, l'oggetto societario, il numero di case a disposizione, il prezzo di vendita o affitto di nuovi alloggi. Si tassera' chi tiene dieci appartamenti sfitti, non chi tiene il proprio in attesa di rientrare da un lavoro a lungo termine fuori citta'. Con l'aria che tira il rischio e' che accada l'opposto.

Bild des Benutzers Manfred Gasser
Manfred Gasser 20.05.2022, 17:16

Da ich mich in der Materie zu wenig auskenne, einige Fragen.
Gibt es bei der Miete keinen "contratto a tempo determinato", wie z.B. im Arbeitsmarkt?
Sie wollen sagen, dass, wenn ich aus Arbeitsgründen z.B. 1 Jahr auf den Weltmeeren rumschiffe, zählt mein Haus als Zweitwohnung?

Bild des Benutzers Gianguido Piani
Gianguido Piani 20.05.2022, 17:50

Soweit ich weiß gibt es befristete Mietverträge. Das Problem ist, dass nicht alle Mieter dann freiwillig ausziehen wenn es soweit ist. Oder überhaupt Miete zahlen.
Ist man nicht zu Hause und woanders gemeldet, dann gilt das Haus als Zweitwohnung. Auch hier gibt es viele Gründe, warum man sich im Ausland meldet, oder nicht. Es kann mit dem Arbeitsvertrag zu tun haben, um eine bestimmte Versicherung zu genießen, ein Arbeitserlaubnis zu bekommen... Auf der Welt gibt es etwa 200 Staaten, jeder mit eigenen Regeln. Im Ausland habe ich viele Italiener getroffen, die beim AIRE (Anagrafe Residenti Estero) gemeldet waren und ebenso viele, die es nicht waren. Aus allen möglichen, berechtigten und verständlichen Gründen. Warum müssen Leute in bestimmten, aufgezwungenen Situationen mehr Steuer zahlen als andere?
Ich habe lange in Russland gelebt. Das ist kein Land, jetzt umso weniger, wo man das ganze eigene Gut, Möbel usw mit sich nimmt, und das unabhängig von den Speditionskosten. Dagegen muss man immer bereit sein, das Land schnellstens zu verlassen - wir sehen jetzt, warum. Jahrelang musste ich in Bozen alles für die Zweitwohnung zahlen, was sehr teuer ist, und natürlich noch dazu in Russland bei der Miete. Sogar bei der Müllabfuhr gilt in Bozen bei nicht-Ansässigen nicht die Anzahl der grauen Säcke, bei mir wäre es ein Sack pro Jahr gewesen, sondern man zahlt nach der Wohnungsgröße auf das ganze Jahr gerechnet. Etwa viermal so viel, wie ich jetzt zahle.
Von Pauschalerklärungen "alle Zweitwohnungen müssen vermietet oder extra versteuert werden" sollte man wirklich absehen.

Bild des Benutzers Christian I
Christian I 23.05.2022, 15:32

@ Gasser/Piani: proprio questa é la frequente esperienza che ho fatto nel piccolo contesto familiare/amici: affitti un appartamento a qualcuno e poi non riesci piú a liberarlo quando ti servirebbe. E allora via al grande giro tra forze dell'ordine, avvocati, tribunali, ... addio nervi e addio a tanti soldi.

Advertisement
Advertisement
Advertisement