Christian Bianchi
Facebook/Christian Bianchi
Advertisement
Advertisement
Urbanistica

“Laives non è il dormitorio di Bolzano”

Il sindaco Christian Bianchi replica all'assessore bolzanino Fattor: “Non prenderemo cinquanta ettari di verde agricolo per farli diventare la periferia del capoluogo”.
Von
Bild des Benutzers Valentino Liberto
Valentino Liberto25.05.2022
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Unterstütze unabhängigen und kritischen Journalismus und hilf mit, salto.bz langfristig zu sichern! Jetzt ein salto.abo holen.

Advertisement
Advertisement

Kommentare

Bild des Benutzers Gianguido Piani
Gianguido Piani 25.05.2022, 09:58

Discorso estremamente complesso. Si potrebbe controbattere che Laives dovrebbe farsi i propri posti di lavoro in autonomia, senza sfruttare quelli di Bolzano. O l'ospedale. O un'universita'... Polemiche a parte, e' necessaria una visione di insieme che tra i vari parametri consideri la riduzione complessiva del traffico e il massimo mantenimento di aree verdi sia coltivate sia boschive. Non c'e' alternativa a scelte compartecipate dai diversi comuni.
Se poi sia i bolzanini sia i laivesotti ordinano spesso e volentieri via servizi online, non lamentiamoci del traffico aggiuntivo di camion e furgoni. Buona parte della pressione ambientale e' dovuta a nuovi modelli e stili di vita, ma di quelli non si occupa nessuno, non vengono proprio considerati e affrontati.

Bild des Benutzers Christian I
Christian I 25.05.2022, 13:38

Complimenti per il suo discorso sullo stile di vita! Secondo me sta proprio lí il vero problema. Nessuno é disposto a rinunciare o a rivedere certe abitudini, come se le capacitá e possibilitá fossero infinite...

Bild des Benutzers Domenica Sputo
Domenica Sputo 25.05.2022, 17:31

I residenti del capoluogo sono oppressi da un mercato immobiliare insostenibile, da un’ assenza di parcheggi insostenibile e da una viabilità insostenibile.
La soluzione non è chiaramente iniziare a pensare di demolire / riqualificare l’esistente, troppo complicato, meglio levare ulteriori terreni agricoli per edificare un nuovo ghetto “in pronta consegna”, tipo Casanova, a ridosso del comune limitrofo notoriamente bistrattato!
AAA Cercansi amministratori lungimiranti, capaci di ripensare in generale la crescita urbana, tenendo bene a mente che il suolo è una risorsa limitata e non riproducibile.
Questo non significa dimenticarsi dell’edilizia.
Il primo passo, già seguito in diversi Paesi europei, sta nel circoscrivere l’urbanizzazione alle aree dismesse:
https://youtu.be/h0egwgTr1D8
Inoltre, anziché espropriare terreni agricoli da rendere edificabili, perché non espropriare edifici vuoti o fatiscenti?
A livello nazionale, dopo il superbonus 110% servirebbe un bonus demolizioni…

Bild des Benutzers Davide Giacomelli
Davide Giacomelli 26.05.2022, 18:14

Sicuramente gli edifici già esistenti vanno riqualificati, però dubito che questo possa risolvere il problema a Bolzano visto che la richiesta di immobili è troppo elevata rispetto alle aree riqualificabili.

Advertisement
Advertisement
Advertisement