Comune di Verona/Ufficio Stampa

I nuovi bus a metano Scania Euro VI della Atv presentati a Verona la scorsa settimana.

Advertisement
Advertisement
Dobbiamo prendere esempio da Verona? A quanto pare sì se fra pochi mesi tutta la flotta di bus urbani sarà a metano, invece in Alto Adige, "green region" ad idrogeno, si pensa solo ad acquistare bus a gasolio.

A Verona autobus sempre più a metano, a Bolzano e in provincia sempre e solo gasolio

Le direttive del "Piano Clima Energia Alto Adige 2050", approvato dalla Provincia nel giugno 2011, non vengono rispettate... dalla Provincia stessa. Quali i motivi?
Community-Beitrag von Michele De Luca27.10.2015
Bild des Benutzers Michele De Luca
Advertisement

Una notizia della scorsa settimana mi ha fatto riflettere di nuovo sulla pressoché totale mancanza di visione futura sul trasporto pubblico ecologico e sostenibile da parte della Provincia e delle aziende di trasporto pubblico locale Sasa e Sad. A Verona hanno presentato ufficialmente altri sette nuovi autobus a metano con i quali ora sarà a quota 80% il numero di km percorsi a metano nella città scaligera con l’obiettivo di arrivare con i prossimi acquisti al 100%, seguendo così l’esempio virtuoso della flotta bus tutta a metano di Augsburg in Germania. C’è da chiedersi invece come mai a Bolzano e dintorni ci sia tanto astio nei confronti dei bus a metano.

E’ dal 2011, infatti, che mi chiedo cosa si stia facendo in Alto Adige e nella città capoluogo. Ci si esalta come "green region" con cinque bus a idrogeno, altri 20 bus H2 dovrebbero essere acquistati nel prossimo triennio saturando così la capacità di rifornimento della centrale H2 di Bolzano Sud. Pazienza poi che questi bus, rispetto ai bus a metano, costeranno al netto dei contributi UE più del doppio. Fattivamente sono solo un’enorme foglia di fico. Infatti, giova ricordare che nel 2013 sono stati acquistati ben 150 bus a gasolio, Metrobus compreso, e lo saranno pure quelli che saranno acquistati prossimamente di cui non è noto nemmeno il numero.

Decisioni prese come sempre in camera caritatis da Sasa e Sad, che preferiscono sempre e comunque la strada del silenzio assordante, e non rese pubbliche con la consueta trasparenza uguale a zero. Tra l’altro non si sa proprio chi concretamente prenda tali decisioni del tutto incomprensibili ed assai singolari per società in mano pubblica, che acquistano mezzi con denari pubblici e con i rispettivi azionisti, sempre pubblici, a fare scena muta avallandone acriticamente ogni decisione, forse per non mettere in difficoltà chi è stato messo nei vari CdA? Un ennesimo, sonoro schiaffo in faccia a chi chiede da parecchio tempo trasparenza e in particolare le motivazioni delle decisioni prese, che sono in netto contrasto con le direttive del Piano Clima Energia Alto Adige 2050 (*), approvato nel giugno 2011 dalla Provincia la quale, però, continua paradossalmente a finanziare senza battere ciglio l’acquisto di bus diesel. Un vero e proprio cortocircuito politico-amministrativo-gestionale che nessuno pare abbia voglia di mettere una volta per tutte in discussione.

Se ne vuole finalmente cominciare a discutere? L'invito è espressamente rivolto al presidente della Sasa Pagani, al presidente di Sad Perathoner e all'a.d. Maccioni nonché a chi se ne occupa in Provincia, ossia l'assessore Mussner e l'ing. Burger.

(*) 3.5.5.2 Trasporto pubblico locale (...) Entro il 2025 nelle zone urbane saranno utilizzati unicamente veicoli del TPL a zero emissioni (azionamento elettrico, a idrogeno, a metano) e anche nel trasporto extraurbano sarà rafforzato l’impiego di simili tecnologie, procedendo poi alla sostituzione totale della flotta di veicoli entro il 2050.

Advertisement
Advertisement

Kommentar schreiben

Advertisement
Advertisement
Advertisement