tram_e_pedone.jpg
Pixabay/Skitterphoto
Advertisement
Advertisement
Trasporto pubblico

Progetto tram e i tempi che… non tornano

I tempi di percorrenza sono il vero tallone d’Achille del progetto tram. Qualcuno li ha mai considerati prima di decidere?
Un contributo della community di Michele De Luca01.07.2019
Ritratto di Michele De Luca
Advertisement
Advertisement

Fra contrari e favorevoli al tram, quello che si nota e si ascolta è soprattutto la non conoscenza del progetto che lascia perplessi per i costi. Si parla di 120 milioni, ma poi si parla anche di 200 milioni perché pare non si siano considerati (opppsss…) i convogli da acquistare (piccolo dettaglio…) e la rimessa/deposito di Ponte Adige. Tra l’altro pare che il tram si sia ristretto, non più 40 metri ma 32 metri, guarda caso per le non poche “curve a gomito” presenti sul (lungo) percorso.

I dati dei tempi di percorrenza, e veniamo al punto, sono poi del tutto assenti nel dibattito, eppure dovrebbero essere al centro della discussione. Partiamo dai dati forniti nello “Studio di fattibilità linea 1 – Stazione di Bolzano – Stazione di Ponte d’Adige” della IBV Hüsler AG del 21 novembre 2018.

huesler_progetto_tram_linea_1_a.jpg
Dal progetto tram linea 1 (IBV Hüsler)

Li riassumo qui:

  • Ponte Adige -> Stazione FS 49 minuti
  • Ospedale -> Stazione FS 38 minuti

Ebbene, qualcosa pare proprio non tornare.

"Metrobus" velocissimo

Andiamo a vedere quanto ci impiega il Metrobus (Oltradige Express, linea 131) dal Pillhof, quindi prima della stazione FS di Ponte Adige, che il Metrobus non tocca, alla stazione FS (orario ufficiale in vigore): 13 minuti. Orario ufficiale disponibile pubblicamente sul sito di Alto Adige Mobilità. Qui sotto uno screenshot:

linea_131_oltradige_express_orario.jpg
linea_131_oltradige_express_orario.jpg, (Alto Adige Mobilità)

Il video di “Guglielmino il Bolzanino” dà una qualche idea:

Notizie di Guglielmino il Bolzanino (4) - "Viaggetto in tram da Ponte Adige in Stazione" (Ada Pipitone)

Linea 10, rapida da e per l'ospedale

Allora andiamo a vedere quanto ci impiega la linea 10 di Sasa per arrivare dall’ospedale in stazione. Dall’orario ufficiale, aulla linea 10A, che raggiunge la stazione facendo però un lungo giro da sud, da 27 a 31 minuti. Sulla linea 10B da 10 a 14 minuti. Altro screenshot:

linea_10a_e_10b_orari.jpg
Gli orari della linea 10A e 10B (Sasa)

Alternativa bus extra-lunghi

Ad agosto 2018 fa scrissi le mie perplessità e, ancora a maggio 2018, che sarebbe stato meglio sviluppare i servizio intensificando le linee dei bus con mezzi extra-lunghi, pur considerando le limitazioni normative italiane, forse superabili con fasi sperimentali, oppure con un maggior utilizzo di bus snodati da 18 metri con una cadenza fitta nelle ore di maggiore afflusso e deflusso dei pendolari.

Senza riduzione del traffico, salta tutto!

Il tutto dovrebbe poi coincidere, però, con una riduzione del traffico, soprattutto per agevolare i mezzi pubblici che rimangono intruppati nel caos mattutino e poi tardo pomeridiano, quindi è inevitabile che non si può prescindere dal mantenere intatta la situazione in entrata a Bolzano alla mattina e in uscita da Bolzano nel tardo pomeriggio.

Il tram... dei turisti?

In poche parole, si vuol costruire il “tram dei turisti”? Quanto proposto è difficile denominarlo “dei pendolari” nonostante venga definito tale. Perché, oltre al fatto che si vorrebbe mantenere il Metrobus, che farebbe diretta concorrenza al tram, fra tempi di percorrenza e costi spropositati, tralasciando i tempi di costruzione, c’è davvero da chiedersi se la linea tranviaria 1, come concepita, sia effetivamente una soluzione oppure rischi di diventare un… non si sa cosa che andrebbe ad incastrarsi nel già fitto traffico del capoluogo che il Pums pare voler solo congelare alla situazione attuale senza veramente farlo diminuire.

Poi è pure sufficiente dare un’occhiata alla Ati (associazione temporanea di imprese) che si è aggiudicata, con un ribasso consistente (40,12499%), il bando per il progetto esecutivo della linea del tram. Prendiamone atto...

Dietro tutto poi c’è il progetto “PPP” di Ratp, rigettato dalla Provincia, che ora sta diventando materia per i giudici amministrativi con rischi di risarcimenti non indifferenti, visto che il solo costo di progettazione e know-how del progetto pare aggirarsi sui quattro milioni di Euro.

Insomma, un discreto… pandemonio tramviario quando si poteva anzi si sarebbe dovuta avere anche un’idea delle alternative al “ferro” fin troppo velocemente (azzardatamente?) accantonate seguendo solo la tanto osannata proposta svizzera.

Advertisement

Aggiungi un commento

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 6 Luglio, 2019 - 16:05

Quello che Lei scrive ha molto senso. Ma io partirei dalle esigenze dei pendolari e dallo stato di fatto. Ogni pendolare vorrebbe collegamenti certi,puntuali,comodi e sicuri. E a oggi solo la tratta che va dal centro all'ospedale risponde in parte a questa esigenza. Tutto il resto fa più o meno schifo, o meglio, è dignitoso ma va bene per pensionati e chi ha tanto tempo libero a disposizione. La soluzione definitiva, visto che Bolzano ha un alto tasso di concentrazione viabile è separare in più livelli la viabilità. In un futuro le auto non emetteranno più gas di scarico e quindi assisterrmo a città in cui queste viaggeranno sottoterra. Vi sono altre realtà dove abbiamo le metro sotterranee o parzialmente e anche questa è una soluzione. Bisogna chiaramente fare un calcolo di fattibilità economica ma il progresso ci viene in aiuto e ci saranno soluzioni che abbasseranno tale costo (si veda l'esempio di the boring company). Resta comunque il fatto che finché i mezzi pubblici si muoveranno nello stesso spazio dei mezzi privati non ci sarà alcun motivo per usare i primi. Proprio come avviene con il metrobus che per me è come se non esistesse.

Ritratto di Peter Gasser
Peter Gasser 6 Luglio, 2019 - 16:39

Was würde eine Tram bringen, die während der jeweils 1,5 Stunden Stoßzeit am Morgen und am Abend bereits vollbesetzt (und damit ohne Zustiegsmöglichkeit bei den Zwischenstationen) in Bozen oder Kaltern startet?
Kann die Tram bei der bisher vorgeschlagenen Eingleisigkeit und begrenzten Anzahl an Garnituren und Fahrfrequenz mehr als 10% der Pendler aufnehmen?
Und zu welchen Kosten?

Ritratto di fr° g
fr° g 7 Luglio, 2019 - 08:40

Ich würde ein Seilbahnprojekt begrüssen. Die Firma Leitner mit Sitz in Sterzing hat bereits urbane Projekte umgesetzt, Bozen ist bereits eine 'Seilbahnstadt', warum nicht diese Tradition neu aufleben lassen?

Ritratto di Fabio Marcotto
Fabio Marcotto 7 Luglio, 2019 - 20:32

Rimane il fatto che il tram, rispetto ai bus attuali, porta molte più persone ed è più comodo. Chiaramente deve avere una sua corsia esclusiva, anche da Ponte Adige a Caldaro. A Strasburgo e Helsinki i tram sono veloci e silenziosi. A San Pietroburgo e Odessa, lenti e ferrosi

Ritratto di Fabio Marcotto
Fabio Marcotto 8 Luglio, 2019 - 12:20

effettivamente i tempi sono eccessivi, come il numero di fermate: 17!!
si dovrebbero dimezzare credo, puntando su Sasa per il trasporto solo cittadino. Si dimezzerebbero anche i tempi

Ritratto di Fabio Marcotto
Fabio Marcotto 9 Luglio, 2019 - 19:46

Lo noto solo adesso: solo 4!!!! fermate fa il metrobus da Pillhof - diciamo Ponteadige - fino alla stazione. E' tutta qui la differenza nei tempi rispetto al tram, credo

Ritratto di Matthias Cologna
Matthias Cologna 16 Luglio, 2019 - 15:06

Gentile signor De Luca, lungi da me difendere il Comune e prenderne il posto per illustrare il progetto del tram, che giustamente solleva alcuni interrogativi. Ma mi permetta di farle notare che "ebbene, qualcosa pare proprio non tornare": infatti, i tempi di percorrenza da lei citati sono interpretati in modo sbagliato.

Basta fare un semplice rapporto (velocità media di 17,1 km/h * 49 min /60 minuti) per ottenere 14 km, cioè la lunghezza del tracciato andata e ritorno. Il tempo di percorrenza del tram da lei indicato va perciò dimezzato e risulta essere di 19 min fra la stazione di Bolzano e l'ospedale, assolutamente in linea con il bus odierno numero 8 che copre un percorso simile in 19 minuti.

Da dove nasce questo inghippo? Dalla traduzione erronea, perchè guardando le slide in tedesco dello studio Hüsler, i 49 ed i 38 minuti si riferiscono alla "Reisezeit für Umlauf", non alla tratta. Capisco che non si studi il progetto in due lingue, ma presupporre che il tram cittadino ci metta lo stesso tempo come il treno da Bolzano a Marlengo, avrebbe dovuto far sorgere qualche interrogativo non connesso solo al tram in sè..

-> http://www.comune.bolzano.it/UploadDocs/22834_Pr_sentation_Bozen_Straba_...

Advertisement
Advertisement
Advertisement