copertina.jpg
Foto gadilu
Advertisement
Advertisement
Profughi

Morire di non accoglienza

Un giovane curdo, malato di distrofia muscolare, è deceduto sabato a Bolzano: alla famiglia era stata negata l'ospitalità nelle strutture di accoglienza cittadine.
Advertisement
Advertisement
Salto Plus

Cara lettrice, caro lettore,

questo articolo si trova nell’archivio di salto.bz!

Abbonati a salto.bz e ottieni pieno accesso ad un giornalismo affermato e senza peli sulla lingua.

Noi lavoriamo duramente per una società informata e consapevole. Attraverso vari strumenti si cerca di sostenere economicamente questo sforzo. In futuro vogliamo dare maggior valore i nostri contenuti redazionali, e per questo abbiamo introdotto un nuovo salto-standard.

Gli articoli della redazione un mese dopo la pubblicazione si spostano nell’archivio di salto. Dal primo gennaio 2019 l’archivio è accessibile solo dagli abbonati.

Speriamo nella tua comprensione,
Salto.bz

Abbonati

Già abbonato/a? Accedi e leggi!

Advertisement

Aggiungi un commento

Ritratto di gorgias
gorgias 9 Ottobre, 2017 - 06:09

Quanto tragico questo caso anche sia, non è utile a chiarire la situazione delle persone immigrate a Bolzano e se queste persone vengono trattate adeguamente o no. Tutto il fatto si può sintetizzare e isolare in queste righe:
"All'uscita accade però un tragico incidente. A., non potendo camminare, è spinto dal padre su una carrozzina. Una barriera architettonica – non lontano da Ponte Loreto – la fa ribaltare e il ragazzo cade, fratturandosi le gambe. Si corre nuovamente in ospedale, dove il giovane è ricoverato in Ortopedia. Le sue condizioni però si aggravano rapidamente in seguito a una sopraggiunta, o già latente, infezione. Sabato, alle due di notte, A. muore."

Questo avrebbe potuto accadere a chiunque chi ha problemi con barriere architettoniche e ha niente a che fare con la realtà di queste persone. Di solito persone con distrofia muscolare escono anche al aperto.

Ritratto di 19 amet
19 amet 9 Ottobre, 2017 - 18:26

Meno male che ha trovato una scusa per il fatto che bambini devono pernotare al parco della stazione. Non si vergogna ?

Ritratto di Max Benedikter
Max Benedikter 9 Ottobre, 2017 - 19:06

Forse non è stato la causa diretta della morte, ma per certo una sofferenza difficilmente immaginabile per un ragazzino e la sua famiglia.
È freddo. Non potersi muovere (carrozzina), avere poca massa muscolare (distrofia) sono due condizioni che tutti capiscono non essere compatibile con la vita di strada.
Non capisco, non capisco tutto questo cinismo da parte delle istituzioni. A partire da quelle svedesi. Ma non deve servire da alibi. Noi abbiamo aggiunto sofferenza su sofferenza.

Ritratto di Massimo Mollica
Massimo Mollica 9 Ottobre, 2017 - 07:49

Questa per me rappresenta la pagina più brutta della mia città! Non c'è carità ne pietà per un bambino, il cui destino è stato carogna con lui! Allora per quanto mi riguarda non c'è pietà per nessuno. Tenetevi le vostre parole, i vostri proclami, le vostre considerazioni. Io mi vergogno immensamente della mia vita e dei miei privilegi ma anche di vivere in mezzo a voi, con voi.

Ritratto di 19 amet
19 amet 9 Ottobre, 2017 - 18:32

Mi associo. Bambini devono passare la notte all' aperto perchè burocrati senza cuore e preti da salotto serrano persino la casa di Dio. Hanno i conventi vuoti, ma si voltano dall' altra parte. Sono talmente sordi che non sentono nemmeno le parole di Francesco. Che vergogna ! Lodiamo il pastore evangelico che ha avuto un po di spirito cristiano.

Advertisement
Advertisement
Advertisement