Advertisement
Advertisement
Mobilità

In house o non in house

Gatterer, ad di Sad: “Siamo in grado di garantire i servizi forniti da Sasa con una potenzialità di risparmio di gran lunga maggiore”. Rischi per i dipendenti?
Di
Ritratto di Sarah Franzosini
Sarah Franzosini12.05.2016
Advertisement
Salto Plus

Cara lettrice, caro lettore,

questo articolo si trova nell’archivio di salto.bz!

Abbonati a salto.bz e ottieni pieno accesso ad un giornalismo affermato e senza peli sulla lingua.

Noi lavoriamo duramente per una società informata e consapevole. Attraverso vari strumenti si cerca di sostenere economicamente questo sforzo. In futuro vogliamo dare maggior valore i nostri contenuti redazionali, e per questo abbiamo introdotto un nuovo salto-standard.

Gli articoli della redazione un mese dopo la pubblicazione si spostano nell’archivio di salto. Dal primo gennaio 2019 l’archivio è accessibile solo dagli abbonati.

Speriamo nella tua comprensione,
Salto.bz

Abbonati

Già abbonato/a? Accedi e leggi!

Noi di salto.bz continuiamo a lavorare sodo anche durante la crisi attuale per fornirvi notizie, analisi e retroscena in modo indipendente e critico. Sostienici e abbonati ora per garantire lunga vita a salto.bz!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Advertisement
Ritratto di Alberto Stenico
Alberto Stenico 12 Maggio, 2016 - 23:05
Art. 118 della Costituzione, la Sussidiarietà :"...Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale, sulla base del principio di sussidiarietà. "
Ritratto di Michele De Luca
Michele De Luca 13 Maggio, 2016 - 01:13
"... inoltre se i servizi relativi al trasporto pubblico venissero assegnati a una società in house ciò comporterebbe una spesa pubblica maggiore, ..." afferma Gatterer a capo di una società che, contrariamente a quanto molti tuttora pensano, è una società privata partecipata pubblica, un bel pasticcio che per anni ha confuso le idee a molti (me compreso, lo ammetto). Anche in questo caso si parla genericamente, come ha fatto il pres. di Sasa affermando di essere "più efficiente" se si rimane pubblici. In poche parole: tutti a tirare l'acqua al proprio mulino ma senza uno straccio di dati, fatti e previsioni concrete da poter comparare. E poi, dovremmo passare da un attuale monopolio urbano (Sasa) e oligopolio interurbano (Sad e associate + Libus) ad un monopolio unico Sad dal 2019? D'altronde molti aspetti fanno pensare che Sasa di autonomia operativa ne abbia veramente poca e della fusione con Sad se ne era parlato anche alcuni anni fa. Insomma, nulla di nuovo, se non con la nuova prospettiva delle gare europee e sarà determinante cosa prevederà la gara, gli standard di qualità e anche se si vorranno favorire le trazioni alternative al gasolio, tanto "amato" dalla Provincia negli ultimi anni. Davvero curioso comunque questo atteggiamento di "superiorità" che ultimamente sprizza da tutti i pori la Sad. E se poi la o le gare se l'aggiudicassero i francesi di Ratp o i tedeschi di DB? Auguri...
Advertisement
Advertisement
Advertisement