Scuola, Covid
Pixabay
Advertisement
Advertisement
Finferli e nuvole

Ritorno a scuola

Dopo un mese abbondante di lezione in una quarta liceo di lingua tedesca di Bolzano ho fatto un sondaggio fra i ragazzi (senza troppe pretese).
Colonna di
Ritratto di Fabio Marcotto
Fabio Marcotto22.10.2020
Advertisement

I ragazzi

 

Insegno italiano in un liceo in lingua tedesca di Bolzano. In estate la direzione e la segreteria hanno lavorato benissimo. Al rientro a scuola, il 7 settembre, tutto era preparato e previsto al meglio. Dalle entrate separate agli orari mirati, dai disinfettanti disponibili ovunque nell'edificio alle mascherine all'ingresso, dalle regole per l'accesso ai computer a quelle per fotocopiare.

Non saprei cosa si poteva fare di più.

Si è optato per dividere le classi in due gruppi, con una settimana di lezione in presenza e l'altra a distanza. I due gruppi si alternano.

E i ragazzi?

Dopo un mese abbondante di lezione in una quarta ho fatto un sondaggio senza troppe pretese. Un estratto dei loro commenti.

 

Mi piace

 

“Lavorare da casa non è stato un cambiamento così drastico. La cosa positiva di questo sistema è l'autonomia. C'è anche il fatto di poter scegliere noi cosa fare e quando; siamo noi che ci possiamo organizzare la giornata e le ore di studio.”

“Dimezzando le classi si lavora in modo più efficace durante le lezioni e anche l'ambiente scolastico in generale mi risulta più tranquillo e accogliente.

Mi piace che nelle settimane dove sono a casa posso alzarmi un po' più tardi.

A casa posso organizzarmi le giornate come mi pare, anche se non è così facile come pensavo. Mi distraggo facilmente.”

“Non abbiamo scuola di pomeriggio. È più comodo studiare quelle due ore a casa, possibilmente senza videolezioni.

A casa mia non devo indossare alcuna mascherina.”

“Penso sia fantastico fare le lezioni a distanza al mio ritmo. Guadagno tempo. Trovo bello l'idea di poter lavorare da qualsiasi luogo: potrei sedermi in giardino o lavorare in un caffè.

Le lezioni in presenza adesso sono più digitalizzate, spesso lavoriamo con i laptop in classe, quindi non dobbiamo più trascinare parecchi libri a scuola.

In classe c'è una dinamica diversa, le lezioni possono essere organizzate in modo più individuale e sono molto più tranquille.”

“Posso dormire più a lungo e pranzare più presto.”

“Gli insegnanti possono concentrarsi su un numero ridotto e seguire gli studenti più da vicino.”

 

Non mi piace

 

“Gli studenti non vengono seguiti ma devono fare tutto da soli a casa. Gli insegnanti non hanno colpa perché è praticamente impossibile per loro gestire e seguire le metà classi contemporaneamente.

La ministra dell'istruzione in questi 6 mesi non è stata in grado di fornire delle direttive chiare a studenti e insegnanti, e non ha impartito regole uguali per tutte le scuole.

Vengono meno i rapporti sociali con i compagni dell'altro gruppo.

Bisogna indossare la mascherina appena ci si alza dal banco.

L'impossibilità di prendere una boccata d'aria durante la pausa.”

“Tutti gli esami e i test rientrano nella settimana in presenza.

A casa è difficile concentrarsi.

Le lezioni a scuola sono più divertenti rispetto alle videolezioni a casa.”

“Non ci si può aiutare a vicenda. Facevamo delle traduzioni in coppia, mentre quest'anno non sarà più possibile.

Dover rimanere in classe a pausa è straziante.”

“I professori devono trovare un altro sistema per dare i voti. Invece di fare tante verifiche e presentazioni assillando il calendario degli alunni, dovrebbero iniziare a valutare effettivamente i compiti svolti a casa.”

“Le videolezioni mi stancano subito, mi fanno venire il mal di testa e non sono molto produttive.

Inoltre, qualche volta ho problemi con la connessione.”

“Viene deciso per noi che tipo di mascherina indossare.

In classe abbiamo i banchi a un metro di distanza uno dall'altro e dobbiamo evitare di passarci le cose a vicenda.

Non capisco perché questo è solo a scuola, mentre fuori posso indossare le mascherine di stoffa, sedermi al bar vicino alla mia amica, parlare con lei senza mascherina.”

“Sono triste per i vari progetti, viaggi di classe e gite scolastiche che sono stati annullati e desidero normalità, lavori di gruppo e contatto umano.”

“Mi mancano i rapporti interpersonali, gli abbracci e la leggerezza della vita pre-Covid19.”

“Non avevo mai realizzato quanto è importante un compagno di banco.”

 

(Ritorno a scuola. Continua)

 

Il lockdown è finito. La crisi invece no. Ogni abbonamento a salto è un sostegno a un giornalismo indipendente e critico e un aiuto per garantire lunga vita a salto.bz.

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement