Advertisement
Advertisement
Alpbach

“Die drei Landesobermuftis”

Jean-Claude Juncker ignora la risoluzione dell'Euregio Tirolo-Sudtirolo-Trentino sulla crisi dei profughi. Alpbach, o della quiete prima della tempesta austriaca.
Di
Ritratto di Valentino Liberto
Valentino Liberto24.08.2016
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Via Ezra Pound collega Tirolo/Dorf Tirol a Castel Fontana/Brunnenburg

Advertisement
Ritratto di Tommaso Marangoni
Tommaso Marangoni 24 Agosto, 2016 - 15:13
Apprezzo l'approccio critico all'eurocratica Alpbach che, effettivamente, tra tradizioni e innovazione, deve ancora riuscire ad avvicinarsi ai cittadini austriaci ed europei (come ammesso da Fischler). Dall'intervento di Juncker mi aspettavo parole più dure verso gli stati nazionali, così abili a criticare sempre e solo "l'Europa che non fa". Questo rimpallo di competenze e responsabilità fa capire quanto complessa sia la situazione e quanto poco chiare siano le soluzioni. Oltre a qualche affermazione diplomatica sui confini, sui rapporti con la Turchia e sui morti in mare non ha fornito proposte concrete. Ha parlato di tempi più brevi nella legislazione e di snellimento della burocrazia UE, ma non ha accennato alla neighbourhood policy ed alla necessità di interrompere qualsiasi accordo economico con il Medio Oriente, affermando solo che “l'Europa pacifica dà un contributo prioritario alla pace nel mondo”(?). Purtroppo il messaggio lanciato dai tre presidenti è già finito in un cassetto. Va anche detto che per i mezzi e per le competenze di cui dispongono i tre presidenti del Gect, più di così non potevano fare. E questa amarezza traspare anche dalle parole di Rossi.
Ritratto di Felix Huber
Felix Huber 1 Settembre, 2016 - 11:02
Mufti? - Ist der Herr Junker in seinem Sprachgebrauch schon so weit islamisiert/arabisiert? Junker ist sicher kein Tiroler!
Advertisement
Advertisement
Advertisement