Fabio Giuliani, biodistretto
Fabio Giuliani
Advertisement
Advertisement
salto-Gespräch

“Biologico, usciamo dal conflitto”

Fabio Giuliani e il comitato trentino per il biodistretto. La lotta ai pesticidi, i contadini, l’Alto Adige: “Il cammino si fa assieme, non contro. E serve una scuola”.
Di
Ritratto di Stefano Voltolini
Stefano Voltolini02.02.2020
Advertisement
Salto Plus

Cara lettrice, caro lettore,

questo articolo si trova nell’archivio di salto.bz!

Abbonati a salto.bz e ottieni pieno accesso ad un giornalismo affermato e senza peli sulla lingua.

Noi lavoriamo duramente per una società informata e consapevole. Attraverso vari strumenti si cerca di sostenere economicamente questo sforzo. In futuro vogliamo dare maggior valore i nostri contenuti redazionali, e per questo abbiamo introdotto un nuovo salto-standard.

Gli articoli della redazione un mese dopo la pubblicazione si spostano nell’archivio di salto. Dal primo gennaio 2019 l’archivio è accessibile solo dagli abbonati.

Speriamo nella tua comprensione,
Salto.bz

Abbonati

Già abbonato/a? Accedi e leggi!

Noi di salto.bz continuiamo a lavorare sodo anche durante la crisi attuale per fornirvi notizie, analisi e retroscena in modo indipendente e critico. Sostienici e abbonati ora per garantire lunga vita a salto.bz!

Advertisement
Advertisement
Ritratto di Stephan Rossi
Stephan Rossi 2 Febbraio, 2020 - 17:19

Il problema fondamentale è di natura economica. I consumatori, non sono disposti ad aquistare una quantità sufficiente di frutta biologica a un prezzo equo, ma preferiscono comprare frutta a basso prezzo. Se tutti agricoltori altoatesini ora coltivassero le loro terre in modo "biologico", il prezzo della frutta biologica cadrebbe molto rapidamente, data la quantità eccessiva. Le famiglie contadine, che già affrontano varie difficoltà economiche, burocratiche e climatiche, perderebbero quindi una buona parte del loro reddito familiare.

Prima di chiedere agli agricoltori di cambiare il loro metodo di produzione, sono i consumatori a dover cambiare il loro comportamento.

Ritratto di roberto paiarola
roberto paiarola 2 Febbraio, 2020 - 20:34

E' importante che i coltivatori, abbiano la possibilità di passare al biologico con l'aiuto economico della collettività (leggi : Provincia). Perchè un territorio sano è un bene per tutti, anche per l'immagine turistica, e non è giusto che a pagare siano solo i contadini.

Ritratto di Günther Mayr
Günther Mayr 3 Febbraio, 2020 - 15:26

Solange nicht die effektiven! Leistungen zum Erhalt der Biodiversität (unabhängig von Label bzw. zert. Anbauweise) anerkannt und quantifiziert werden,
solange nicht der (notwendige!) Pflanzenschutz (unabhängig von Label bzw. zert. Anbauweise) anerkannt wird - heisst es weiterträumen und weiter mit schwarz/weiss! Kein Mensch hat was von der reinen Siegel-Gläubigkeit, am wenigsten die Natur&Umwelt: Das bio-Buisnessmodel läuft heiß und begräbt zum Schluß auch die, die guten Willens sind.
(Greenpeace Schwarze Liste 2016 - zugelassen im biol. Landbau: Kupfer, Parafinöl, Pyretrin, Spinosin. Quelle: Lucius Tamm, FIBL - Schweiz)

Advertisement
Advertisement
Advertisement