Renzler, Amhof, Köllensperger
Salto.bz
Advertisement
Advertisement
Mobilità

“Rivoluzione copernicana”

Il tpl su gomma tutto in mano pubblica, approvata a larga maggioranza la mozione di Svp e Team K. Tutti gli occhi sono puntati sul prossimo step: la proposta legislativa.
Advertisement
Advertisement

L’esito sarà pure stato scontato vista la folta e trasversale schiera di favorevoli alla mozione, ma non per questo risulta meno rilevante. Con buona pace della Sad il trasporto pubblico locale su gomma sarà gestito direttamente dall’ente pubblico - una possibilità prevista dalla normativa, europea e provinciale - e dunque ora la giunta dovrà elaborare quanto prima una proposta legislativa in questo senso. Ieri (6 giugno) il consiglio provinciale ha dato il disco verde, con 29 sì e 2 astensioni, alla proposta di Helmuth Renzler e Magdalena Amhof della Svp presentata insieme agli inediti alleati di Team K, Paul Köllensperger, Maria Elisabeth Rieder, Alex Ploner, Franz Ploner, Peter Faistnauer e Josef Unterholzner

Soddisfatto Renzler che ha invitato l’esecutivo a presentare quanto prima un disegno di legge che tenga conto delle esigenze dei dipendenti, senza trascurare i capitoli sicurezza e bilinguismo.
Esulta anche Köllensperger che parla di “rivoluzione copernicana”. “Da molti anni sono i concessionari privati a gestire i servizi di trasporto pubblico extraurbano su gomma, in un regime di sostanziale monopolio”, dice il leader di Team K.

Fra gli obiettivi principali del disegno di legge che dovrà predisporre la giunta c’è l’attenzione alla continuità dell’attività professionale delle aziende del settore. “La normativa nazionale vigente impone alle società in house o alle aziende speciali che l'attività prevalente esercitata, ovvero almeno l'80% del proprio fatturato, sia realizzato nello svolgimento delle finalità sociali stabilite dai propri soci istituzionali. Nulla impedisce quindi che la stessa società in house coinvolga anche società private del settore nell'erogazione dei propri servizi”, così Köllensperger.

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Bus
Pixabay
Mobilità

Il nemico alleato

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers Michele De Luca
Michele De Luca 08.06.2019, 14:57

Bella idea ma... con quali autobus dovrebbe effettuare il servizio tale nuova società?
Se, come pare affermare l'attuale concessionario SAD - Nahverkehr AG, gli autobus gli appartengono, non è e non sarà mica semplice sostituire/acquistare/noleggiare i circa trecento (!) autobus che servono. È chiaro che ci saranno contenziosi (alcuni già in corso), proroghe dell'attuale servizio e via discorrendo.
E poi il tema è del finanziamento della flotta (alla pari di Sasa e si è visto cosa sta costando il rinnovo della flotta alle non più pingui casse provinciali, che saranno sempre più vuote, tralasciando le follie economiche sull'idrogeno).
L'idea della gara per il servizio alla fine intendeva porre sul concessionario gli oneri della flotta (acquisto o rinnovo), che ora dovrebbe appiopparsi la Provincia Bolzano stessa. E in Trentino, dove hanno la società in-house, mi pare che il rinnovo della flotta non sia così rapido... Qualcuno ci ha riflettuto su questo non marginale aspetto? Infatti, tale aspetto proprio non c'è nella mozione approvata in Consiglio Provinciale... http://www2.consiglio-bz.org/documenti_pdf/idap_563469.pdf
Aspetto che, al di là delle buone intenzioni, andrebbe valutato molto attentamente, soprattutto perché ho la personale impressione che non si abbiano proprio le idee chiare in materia di tpl alternativo (siamo all'anno zero, il 100% dei bus in interurbano è diesel...).

Bild des Benutzers Alberto Stenico
Alberto Stenico 10.06.2019, 09:58

Avanti con la PROVINCIA IMPRENDITRICE: sarà la strada giusta?

Bild des Benutzers Hans Hanser
Hans Hanser 10.06.2019, 10:07

Das ist ein großer Fehler. Die Services werden zwar gut funktionieren, was aber kein Wunder ist bei den Geldmitteln, die zur Verfügung gestellt werden. Von Effizienz also keine Spur, von Wirtschaftlichkeit ebenso. Lediglich der Vetternwirtschaft werden Tür und Tor geöffnet.
Es spricht für die Südtiroler Dummheit, dass das Volk nichts aus den verschiedenen Skandalen der SEL, Sparkasse usw. nichts gelernt hat.

Advertisement
Advertisement
Advertisement