Advertisement
Advertisement
Una mattina mi son svegliato..

..e ho trovato l'invasor

Non era nero di pelle, ma nel cuore: chiamiamolo per quello che è, un fascista. In questo caso due fascisti, il cui eroico gesto è stato aggredire un diciassettenne.
Community-Beitrag von Marco Pagot16.01.2016
Bild des Benutzers Marco Pagot
Advertisement

“Una mattina mi son svegliato e ho trovato l'invasor”
O meglio l'ennesimo ragazzo ha trovato il picchiator, cara mia Bella, aggredito per aver cantato una canzone. Per aver avuto, a diciassette anni, l’incosciente idea che libertà e democrazia vogliano dire che una persona ha diritto anche a cantare, se vuole. Per aver avuto, con l’ingenuità del Liceo, la brutta idea di sottovalutare l’ignoranza delle mani mosse dal bestiale istinto, perché il pensiero è da esseri senzienti, di certi "bravi ragazzi". Per non aver capito che purtroppo il fascismo è una malattia che non siamo ancora riusciti a debellare, un cancro che si è evoluto in fretta durante la prima guerra mondiale per venire sconfitto alla fine della seconda… ma la realtà è che è rimasto latente, una metastasi silente che in molti hanno ignorato mentre altri hanno cercato di denunciare e combattere.

Non sono riuscito a pensare ad altro per tutto il giorno. Perché le aggressioni, codarde e infime, si susseguono da oltre un anno a Bolzano, triste rigurgito di una provincia che da anni ha sotterrato i conflitti sociali sotto montagne d’oro. Sono aggressioni che purtroppo rimangono sommerse perché circa un anno fa ve n’era stata un’altra che si era conclusa con l'impunità di tutti i colpevoli. Hanno dovuto pagare poco più che una multa per aver attraversato con il rosso, come se picchiare delle persone fosse una semplice contravvenzione; o nel loro caso un’attrazione per cui pagare, un momento per fare un tuffo nell’adrenalina futurista dello squadrismo, nell’eroismo dell’attacco infame.

Il cuore nero di Bolzano non è mai sparito, mi è stato ripetuto spesso, soprattutto nelle analisi post-elettorali. Forse nel tempo ha perso la sua faccia violenta, forse qualcuno l’ha sottovalutata prima di noi e oggi ci sono ragazzi che si prendono mazzate per questo.

Quello che è certo è che il fascismo sia tornato allo scoperto: è uscito dalle fogne strisciando per spandere in città il suo lurido olezzo grazie alla paura, alla diffidenza, ad una società sempre meno capace di legami e solidarietà. Ha anzi sfruttato le crepe della società per arrivare sempre più in fondo, fino ad arrivare in Consiglio Comunale. Sono soggetti che si pongono come rivoluzionari e anticonformisti, per poi scadere nelle azioni più reazionarie, svendendo al Capitale il proprio voto (Affaire Benko: dopo lunga riflessione Monsieur Bonazza vota Sì, perché il capitale è brutto ma i negri puzzano di più) e ai potenti le loro braccia, come ennesimo strumento repressivo verso chiunque possa mettere in pericolo lo status quo. Soggetti che si gonfiano il petto e rivendicano orgogliosamente le loro azioni, salvo evitare di pagare le multe per affissioni illegali perché “non potete provare che siamo stati noi” (e per giunta non è degrado!), o ricorrendo a risarcimenti ridicoli per evitare i procedimenti, o mandando simpaticamente le persone a “bere di manco” mentre si tenta di pestarle, o il coraggio di una finta occupazione sgomberata da impiegati provinciali, o nascondendosi dietro “ignoti”.

Questa volta il pericolo era rappresentato da un ragazzetto, che nella sua ingenuità non ha compreso la forza sovversiva di un motivetto fischiettato. E che per questo è stato punito dai solerti difensori della città, che non hanno perso l’occasione per rendere Bolzano più sicura. Ora che ha la faccia tumefatta Bolzano è meno degradata.

Questa volta è andata così. Ma domani?

Domani servirà tutto il nostro impegno, il nostro bisogno di affermare che non è questa la Bolzano che vogliamo, non è questa l’Italia che vogliamo e neppure il mondo che vogliamo. Noi pretendiamo un mondo diverso, un mondo dove non vi è “degrado” perché non vi è povertà, dove non vi è “insicurezza” perché non vi sono soprusi, dove non ci sono “fascisti” perché non vi è ignoranza. Un mondo migliore per persone libere di vivere, non solamente di sopravvivere.

È necessario che ci stringiamo tutti intorno ad un ragazzo di diciassette anni pestato, al richiedente asilo colpevole di essere sopravvissuto alla sua storia, alla donna vittima del patriarcato (qualsiasi forma di sopraffazione esso comporti), all’operaio sfruttato… a chiunque in questo momento sia un diseredato. Che ci stringiamo tutti insieme intorno a lui, come fratelli, non per esprimere ma per fare solidarietà. Per rendere i nostri valori qualcosa di reale, tangibile, vero.

Per dire, cara mia Bella Costituzione, che non sei solo carta straccia, un po' di inchiostro sbiadito su pagine che in pochi hanno voluto leggere, ma ancora meno hanno voluto realizzare fino in fondo. E per dire a ogni altra persona che noi ci siamo, che vogliamo conquistare la luna e che per farlo dobbiamo camminare insieme. Cantando, perché avere vent'anni è avere i sogni grandi. Figurarsi diciassette.

Advertisement
Advertisement

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers Peter Lustig
Peter Lustig 17.01.2016, 10:43
Grande articolo. Complimenti. Mi chiedo cosa fa la Polizia e la Giustizia questa volta. Cosa deve succedere ancora? Deve morire prima qualcuno?
Bild des Benutzers Marco Pagot
Marco Pagot 17.01.2016, 15:26
La giustizia ha tempi lunghi e finora, come da articoli citati, li ha sempre assolti. Ho dimenticato anche di citare il proscioglimento di Bonazza "perché non si può essere sicuri abbia partecipato" dall'accusa di concorso in omicidio per la morte di un ragazzo, ucciso dal pestaggio subito dal nostro eroe e due naziskin. Della polizia meglio non parlare. Rimaniamo noi, i cittadini che devono farsi carico dell'incapacità delle istituzioni di mettere fine a tutto questo. Faremo pressione affinché gli vengano tolti spazi pubblici e licenze, ma soprattutto ci mobiliteremo ancora per ribadire che Bolzano (e non solo!) é e rimane antifascista. Nessuno spazio per nessun tipo di fascismo!
Bild des Benutzers Marco Pagot
Marco Pagot 17.01.2016, 18:08
Mi accorgo ora di una formulazione infelice via smartphone. Ne approfitto per chiarire e riportare la notizia dell'omicidio, che è rintracciabile qua. http://ricerca.gelocal.it/trentinocorrierealpi/archivio/trentinocorrierealpi/2005/10/27/AN7PO_AN701.html
Advertisement
Advertisement
Advertisement