Erfurt
Erfurt Tourismus
Advertisement
Advertisement
Parere negativo

“È Natale anche senza la ruota”

Caramaschi e l’attrazione dirottata a Trento: “Al parco non era sicura”. Poi parte l’amarcord: “Non serve il lunapark, conta la magia. A me bastavano due bagigi”.
Von
Bild des Benutzers Stefano Voltolini
Stefano Voltolini21.11.2018
Advertisement
Salto Plus

Liebe/r Leser/in,

dieser Artikel befindet sich im salto.archiv!

Abonniere salto.bz und erhalte den vollen Zugang auf etablierten kritischen Journalismus.

Wir arbeiten hart für eine informierte Gesellschaft und müssen diese Leistung finanziell stemmen. Unsere redaktionellen Inhalte wollen wir noch mehr wertschätzen und führen einen neuen Salto-Standard ein.

Redaktionelle Artikel wandern einen Monat nach Veröffentlichung ins salto.archiv. Seit 1.1.2019 ist das Archiv nur mehr unseren Abonnenten zugänglich.

Wir hoffen auf dein Verständnis
Salto.bz

Abo holen

Bereits abonniert? Einfach einloggen!

Advertisement

Weitere Artikel zum Thema...

Advertisement

Kommentar schreiben

Kommentare

Bild des Benutzers Servus Leute
Servus Leute 20.11.2018, 22:56

zum Glück ist und der Riesenkitch erspart geblieben.

Bild des Benutzers Massimo Mollica
Massimo Mollica 21.11.2018, 08:25

Senza ruota non sarà Natale! Scherzi a parte, premesso che di Natale vero e proprio, per quanto mi riguarda, ve n'è ben poco, io credo che la ruota a Trento catalizzerà molte persone e quindi questo si traduce in quadagni. Il problema è che la formula mercatini di Natale è trita e ritrita.
L'anno scorso ho proposto al sindaco e all'azienda di soggiorno l'obiettivo di far diventare Bolzano Bozen la città del Natale per eccellenza. E quindi oltre al Christkindlmarkt di far sviluppare un mercatino parallelo che si sviluppi dal ponte Talvera dentro le passeggiate con bancharelle da tutto il mondo. Portare i Natali degli altri popoli da noi! Oltre a ciò creare un festival dei cori. Quindi chiamare alcuni cori famosi e tanti cori studenteschi da far soggiornare nelle scuole chiuse per le festività. Pagargli il soggiorno avendo in cambio l'esibizione in vari palchi sparsi per tutta la città! Infine attrezzare le varie piazze della città "nuova" con i prodotti tipici della nostra terra! Quindi una piazza con bancarelle sullo speck e salumi, un'altra piazza con i prodotti derivati dal latte, un' altra sui dolci e pane e così via.
Anche quest'anno mi limiterò a mangiare bagigi...

Bild des Benutzers D.L. Luke
D.L. Luke 21.11.2018, 09:33

Trovo interessante quanto detto dal sig. Mollica. Speriamo che qualcuno degli organizzatori prenda spunto.

Un plauso al Sindaco Caramaschi per la decisione "tecnica" e culturale di negare l'installazione della ruota panoramica. Ci saremmo ritrovati con i mercatini "tirolesi" a Rimini e la brutta copia romagnola (secondo me non sta bene neppure a là, al massimo ad Atlantic City, città senza storia) piantata nella piazza Walther. Speriamo che la questione si chiuda qui anche per i prossimi anni.

Advertisement
Advertisement
Advertisement